Renault Kangoo Z.E. è ora disponibile anche per il mercato italiano. La “furgonetta elettrica” francese è stata presentata a gennaio in occasione del Salone di Bruxelles e si presenta in questi primi giorni di giugno all’appuntamento con gli automobilisti italiani equipaggiata con la nuova batteria da 33 kWh.

Novità anche per quanto riguarda il comparto motore di Kangoo Z.E., che monta un R60 da 44 kW e 60 cv ad alta efficienza energetica per una gestione elettronica ottimizzata della batteria, limitando il consumo elettrico del veicolo in funzionamento senza alternarne la potenza.

Il nuovo motore elettrico assicura, in combinazione con la nuova batteria da 33 kWh (frutto di miglioramenti nella chimica delle celle e non dell’aggiunta di moduli supplementari), un’autonomia maggiore (superiore di oltre il 50% rispetto alla precedente) pari a 270 km NEDC. Anche in condizioni di guida reali le prestazioni consentono di percorrere circa 200 km con una ricarica completa.

=> Scopri la ricarica wireless a disposizione del nuovo Kangoo Z.E.

Il veicolo commerciale sarà disponibile nelle varietà già presenti nel precedente modello: 3 le versioni, mentre 2 le lunghezze disponibili (4,28 m e 4,66 m) e le alternative per quanto riguarda i posti (2 o 5). Il volume di carico per Kangoo Z.E. sarà compreso tra 3 e 4,6 metri cubi, mentre il “carico utile” arriverà a 650 kg e potrà essere allestito, specifica Renault, in funzione “delle necessità degli operatori professionali (officina mobile, allestimenti isotermici, rivestimenti HACCP, etc.)”.

Per quanto riguarda la fase di ricarica la dotazione in mano ai possessori di Kangoo Z.E. consiste in un caricatore di nuova generazione a 7 kW AC – 32A, monofase, 230 V corrente alternata, in grado di ottimizzare i tempi per il “pieno” di energia elettrica: circa 6 ore con una Wall Box da 7 kW per una ricarica completa.

Per evitare di terminare anzitempo la propria capacità di percorrenza il nuovo Kangoo Z.E. permette di recuperare 35 km in un’ora di ricarica, sfruttabile ad esempio nella pausa pranzo o durante le fasi di carico/scarico merci. Viene offerta inoltre la presenza di una pompa di calore collegata al climatizzatore, al fine che preserva l’autonomia con un clima freddo.

Lato condizionamento è consentito il riscaldamento o raffrescamento dell’abitacolo in anticipo, impostando gli orari tramite smartphone o comandi al volante, quando il veicolo è collegato alla presa di corrente. Disponibile a bordo anche un sistema supplementare a gasolio per far fronte a condizioni climatiche estreme o per consentire una maggiore conservazione dell’autonomia di percorrenza.

9 giugno 2017
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
paolinellifrancosap@libero.it, sabato 10 giugno 2017 alle9:11 ha scritto: rispondi »

Non ne so niente, ma la butto li: Progredendo la tecnologia delle batterie e definendosi i modelli migliori non potrebbero nascere imprese che danno a noleggio batterie o singoli moduli (?) sempre cariche ?. Il ruolo del benzinaio sarebbe sostituito dal noleggiatore / ricaricatore di batterie. In questo modo chi non ha la possibilità di accedere ad una presa di ricarica potrebbe noleggiare facilmente batteire sempre cariche.

Lascia un commento