Il costruttore americano Tesla potrebbe presto fare un notevole passo avanti per quanto riguarda i tempi di ricarica dei propri veicoli, ameno secondo quanto accennato dal capo del reparto tecnico del gruppo, JB Straubel. Il manager ha spiegato infatti che in un prossimo futuro fare il pieno di energia potrebbe essere un’operazione molto più veloce e pratica rispetto a oggi, al punto da richiedere fino a 5 o 10 minuti al massimo.

La ricarica ultraveloce avverrebbe ovviamente senza alcuna sostituzione della batteria, ma farebbe leva sulla potenza di nuove colonnine di Livello 3, capaci di inviare alla vettura grandi quantità di corrente in un tempo estremamente ridotto.

Parallelamente al potenziamento degli erogatori, però, sarà necessario modificare i pacchi batteria in dotazione, dato che dovranno essere in grado di sopportare senza subire danni l’aumento della temperatura generato dal passaggio di grandi quantità di corrente durante la fase di ricarica.

Straubel ha tenuto a precisare che, sebbene fattibile, questa tecnologia non è prossima ad arrivare sul mercato, anche perché ci sono numerosi ostacoli da sistemare prima di una sua eventuale adozione su larga scala. Alcuni prototipi sperimentali fanno comunque ben sperare, soprattutto se si considera che nelle prove di laboratorio si è riusciti a ricaricare delle batterie agli ioni di litio in meno di un minuto.

Va fatto notare, inoltre, come già oggi il rifornimento di corrente elettrica per alcune automobili elettriche sia sceso a 20 minuti, come avviene con le ultime novità annunciate per la rete Supercharged di Tesla, ma più avanti le cose potrebbero ulteriormente migliorare, fino a far diventare la sosta presso la stazione di ricarica paragonabile, per durata, a quella necessaria per un rifornimento di carburante tradizionale.

26 luglio 2013
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Giuseppe Didonna , mercoledì 2 ottobre 2013 alle10:59 ha scritto: rispondi »

Buon giorno, sono il presidente della compagnia taxi di Bari, che raggruppa 150 autovetture. Sono in procinto di presentare un progetto alla ns Regione Puglia denominato "ECO TAXI". Questo progetto prevede un ricambio di taxi da quello tradizionale in elettrico e contestualmente un'area con tutti i servizi compreso officina meccanica e parcheggio coperto da strutture fotovoltaico. Sarei interessato a eventuali modelli adatti al nostro lavoro. Cordialità.

Lascia un commento