Promuovere l’uso di auto elettriche e ibride installando una rete di 69 punti di ricarica che si andranno ad aggiungere ai 25 già presenti a Perugia. È l’obiettivo di un protocollo d’intesa siglato da Regione Umbria, Enel e 13 Comuni del territorio.

L’accordo, in dettaglio, prevede che Enel sviluppi il sistema di infrastrutture intelligenti necessarie per la ricarica dei veicoli elettrici, individuando insieme alle amministrazioni comunali coinvolte la migliore localizzazione per le stazioni di ricarica. Dal canto loro, i Comuni permetteranno alle auto elettriche in circolazione sui propri territori l’accesso alla zona ZTL e i parcheggi gratuiti oltre a promuovere iniziative come l’uso dei bus elettrici per i turisti.

Oltre a Perugia, i Comuni interessati dal protocollo sono Assisi, Spoleto, Gubbio, Città di Castello, Terni, Narni, Foligno, Todi, Orvieto, Norcia, Cascia e Castiglione del Lago, dove sarà anche possibile sperimentare la ricarica di imbarcazioni elettriche sul lago. Ha dichiarato la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini:

Questo progetto, così innovativo e green ha preso il via già nei mesi scorsi, a testimonianza del fatto che in Umbria è forte la volontà ad innovare e, soprattutto, a mettere in atto azioni concrete tese alla sostenibilità ambientale, al risparmio energetico.

L’intesa prevede un piano di investimenti di circa 300 milioni di euro in quattro anni. L’obiettivo non è solo quello di promuovere l’uso dei veicoli elettrici, ma anche di favorire la produzione di energia rinnovabile e lo sviluppo delle reti di distribuzione intelligenti.

Grazie a questo protocollo, comunque, l’Umbria spera prima di tutto di incrementare il proprio mercato delle auto ibride ed elettriche, che al momento rappresenta solo l’1,7% del giro d’affari nazionale relativo allo stesso settore (tra le 60 e le 90 auto elettriche e circa 1000 ibride al mese in tutto il territorio italiano). Ha commentato l’amministratore delegato di Enel, Fulvio Conti:

Con l’auto elettrica si possono ottenere forti vantaggi economici con una riduzione delle spese di trasporto del 40% e con un impatto ambientale minimo.

10 settembre 2013
Fonte:
I vostri commenti
salvo, giovedì 12 settembre 2013 alle7:51 ha scritto: rispondi »

sono convinto che le auto elettriche interesseranno tutti i centri storici italiani ed avvieranno alla loro rinascita

attilio, mercoledì 11 settembre 2013 alle9:53 ha scritto: rispondi »

e vai così....

Lascia un commento