Un intero ecosistema che sappia andare oltre il semplice concetto di auto elettriche. Questo è quanto ha voluto presentare Nissan durante il terzo appuntamento con Nissan Futures “Oltre l’auto” di Oslo, evento durante il quale si è guardato a soluzioni tecnologiche future non soltanto per la realizzazione di veicoli a zero emissioni, ma anche per gli sviluppi futuri nei settori energia, mobilità e spazi urbani.

Il progetto di ecosistema a zero emissioni avanzato da Nissan prende il via presentando un nuovo modello di quella che è attualmente la più venduta tra le auto elettriche, Nissan Leaf, e di e-NV200 van. Sono quattro in totale le colonne portanti della visione esposta dalla casa automobilistica giapponese:

  • Nuovi veicoli;
  • Ulteriori investimenti nelle infrastrutture;
  • Nuovi sviluppi delle batterie per uso domestico e aziendale;
  • Programma di ricarica e guida a costo zero con impiego di tecnologia di ricarica bidirezionale.

=> Leggi i dati di settembre sul mercato delle auto elettriche

Per quanto riguarda i veicoli tra le auto elettriche si segnala Nissan Leaf “2.ZERO”, modello specificamente disegnato per l’Europa e con un’autonomia NEDC attesa di 378 km. Tra le dotazioni della nuova “Foglia” anche i sistema ProPILOT, di assistenza alla guida, e ProPARK, di supporto durante la fase di parcheggio, oltre all’innovativo pedale elettrico e-Pedal.

Lato mobilità elettrica commerciale si segnala un netto incremento nelle possibilità di percorrenza con e-NV200 van, che grazie a una nuova batteria passa da 100 a 280 km (+60%) con un singolo “pieno” di energia. Un’altra novità riguarda la rete di ricarica rapida in Europa targata Nissan, che cresce del 20% grazie all’installazione di 1.000 punti di ricarica passando da 4.600 unità a 5.600 nei prossimi 18 mesi. Le strutture potranno contare sullo standard di ricarica rapida CHAdeMO.

Novità anche per quanto riguarda ricarica delle auto elettriche e dei veicoli commerciali, e stoccaggio domestico dell’energia. Presentati da Nissan due nuovi caricabatterie: uno destinato ad abitazioni e uffici, a doppia velocità da 7 KW e in grado di ricaricare completamente la batteria in 5,5 ore; l’altro destinato alle aziende, da 22 KW e capace di una ricarica completa in appena 2 ore.

=> Obiettivo 500 km di autonomia per le auto elettriche Nissan, leggi di più

Previsto anche un sistema di stoccaggio disegnato appositamente per i proprietari dei veicoli elettrici che consentirà, attraverso l’energia ottenuta da pannelli solari, sia di ricaricare a zero emissioni il proprio veicolo che di risparmiare sulla bolletta energetica dell’abitazione. Si tratta di un nuovo modello xStorage, successore del precedente realizzato in partnership con Eaton. Nuovi caricabatterie e sistemi di stoccaggio attesi per l’inizio del 2018.

Acquistare un veicolo Nissan con ricarica bidirezionale (V2G, Vehicle to Grid) consentirà inoltre di restituire alla rete l’energia prelevata per la ricarica, consentendo di risparmiare sui costi e di contribuire alla stabilità della rete. Il sistema V2G andrà in questo senso a interagire con quello di stoccaggio xStorage. Come ha sottolineato Paul Willcox:

Nei prossimi decenni, l’ecosistema elettrico trasformerà la vita moderna così come la conosciamo oggi. Ma se il punto di partenza di questa nuova visione sono i veicoli 100% elettrici, come la nuova LEAF e il van e-NV200, l’impatto è molto più esteso. Riducendo le emissioni, le nostre città e l’aria saranno più pulite.

Grazie a tecnologie di sicurezza più intelligenti, gli incidenti stradali si ridurranno notevolmente. Attraverso connessioni migliori tra i veicoli e l’ambiente circostante, gli spostamenti quotidiani non saranno più ostacolati dal traffico. Permettendo alle persone di caricare i loro veicoli nelle loro case, potremo usare il nostro tempo e le nostre risorse energetiche in modo più efficiente.

3 ottobre 2017
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Pescespada Trafitto, martedì 3 ottobre 2017 alle10:46 ha scritto: rispondi »

Tutto questo mentre nel Belpaese piantiamo in giro punti di rifornimento del metano e inventiamo bioraffinerie

Lascia un commento