Due novità tecnologiche per confermare gli obiettivi di mantenimento del ruolo di leader nel settore veicoli elettrici: ecco in estrema sintesi il programma Nissan per i prossimi mesi, secondo una fonte vicina ai vertici del marchio giapponese, che è stato illustrato in questi giorni dall’amministratore delegato Carlos Ghosn in occasione dell’assemblea annuale degli azionisti Nissan.

Si tratta, dal punto di vista della strategia industriale, dello sviluppo di un inedito motore “range extender” e dello studio di un sistema di guida autonoma, che dovrebbero debuttare in Giappone entro la fine di marzo 2017, per poi ampliarsi negli Stati Uniti, in Europa e in Cina.

Il progetto destinato ad ampliare le possibilità di impiego delle auto elettriche si basa sul nuovo propulsore ibrido “e-Power”, che aveva fatto il proprio debutto a bordo della concept Gripz al Salone di Francoforte 2015. Tecnicamente la nuova unità powertrain dovrebbe impiegare un sistema simile a quello montato a bordo di Chevrolet Volt (che sfrutta un piccolo motore come generatore di energia per la ricarica della batteria di bordo) e BMW i3.

L’aspetto interessante consiste, stando a quanto anticipato da Carlos Ghosn, nel fatto che la tecnologia powertrain “e-Power” sarà adottata da un’auto elettrica tutta nuova, anziché sulla bestseller Nissan Leaf, che si dimostra leader di mercato anche per il 2016.

Leaf, recentemente aggiornata con l’arrivo di una versione ad autonomia estesa, guida in Norvegia la classifica delle auto elettriche più vendute (dove già circolano 25.000 unità del modello zero emissioni più venduto nel mondo) ed è al terzo posto in assoluto fra le autovetture più vendute nei primi mesi di quest’anno. Come ha anticipato Carlos Ghosn:

Questa nuova tecnologia powertrain verrà incontro alle esigenze degli automobilisti riguardo alla necessità di maggiore autonomia e di efficienza termica: il sistema ‘e-Power’ aggiunge queste caratteristiche ai consueti atout di agilità, solidità e prestazioni propri di Leaf.

Riguardo alla tecnologia di guida autonoma, il sistema in fase di sviluppo da Nissan si chiama “ProPilot” e permetterà la guida “autogestita” dai sistemi elettronici di bordo nelle fasi di curva all’interno di una sola corsia, in autostrada, e nelle situazioni ferma – riparti del traffico cittadino. Non è tuttavia stato stabilito con esattezza su quale modello di Nissan questo inedito sistema sarà introdotto per la prima volta.

28 giugno 2016
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento