Auto elettriche: Nissan Leaf leader in Italia anche nel 2017

Nissan si conferma anche nei primi mesi del 2017 come azienda leader nel settore delle auto elettriche. Nissan Leaf si conferma al primo posto assoluto nelle vendite di veicoli elettrici in Italia sulla base dei dati rilevati tra gennaio a novembre di quest’anno. Sono 456 le unità vendute, +12,31% rispetto allo stesso periodo del 2016, con la casa automobilistica nipponica pronta a far debuttare il nuovo modello in avvio 2018.

=> Leggi la ricetta Nissan per mobilità sostenibile ed economia circolare

Tra le caratteristiche principali di Nissan Leaf 2018, denominata “2.ZERO”, la capacità di percorrere oltre 300 chilometri (ciclo NEDC) con una singola ricarica. Un modello chiamato a esprimere tutte quelle che sono le prerogative della Nissan Intelligent Mobility. Come ha dichiarato Philippe Saillard, vice presidente senior Vendite e Marketing Nissan Europe:

La nuova Nissan LEAF è il veicolo 100% elettrico più completo e all’avanguardia per i clienti. Icona della nostra visione strategica Nissan Intelligent Mobility, è un’auto più connessa, sicura e confortevole di qualsiasi altro veicolo elettrico di massa nella storia.

=> Scopri perché Nissan ha deciso di entrare nel campionato di Formula E

Al centro della Nissan Intelligent Mobility tre aspetti fondamentali: Nissan Intelligent Driving, Nissan Intelligent Power e Nissan Intelligent Integration. Se il “Power” influenzerà quella che sarà la potenza e l’autonomia della Leaf, la “Integration” permetterà di estendere i vantaggi garantiti dalla batteria anche alla propria rete elettrica grazie alla tecnologia V2G (vehicle-to-grid).

Dal punto di vista dell’esperienza di guida è Nissan Intellinget Driving a promettere le maggiori novità: “ProPILOT”, “ProPILOT Park” ed “e-Pedal”. La tecnologia ProPILOT consentirà una guida più piacevole e sicura, mentre la ProPILOT Park permetterà alla vettura di parcheggiare in autonomia (in qualunque condizione, anche in salita). L’e-Pedal rivoluziona il sistema di pedali con un unico pedale che servirà da acceleratore e da freno, utilizzabile semplicemente modulando la pressione sullo stesso. Per maggiore sicurezza continuerà inoltre a essere presente il classico “pedale del freno”, per frenate più rapide e decise.

6 dicembre 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento