Nissan è leader nel mercato dei veicoli elettrici per quanto riguarda l’Italia, prendendo in considerazione l’anno fiscale appena concluso (dall’1 aprile 2016 al 31 marzo 2017). L’azienda giapponese ha venduto un totale pari a 845 unità, raggiungendo una quota del market share del 42%, in crescita del 10% rispetto ai dodici mesi precedenti.

=> Leggi la guida all’acquisto delle auto elettriche

Record di vendite per Nissan LEAF con 478 unità (31,8% del mercato, +5%) a sette anni dal debutto, così come per e-NV200 nel segmento commerciale con 367 unità (72,8%, +26,7%) dopo tre anni dall’esordio. Il gruppo ha inoltre installato 22 colonnine di ricarica rapida CHAdeMO, portando così a 36 il numero delle infrastrutture presenti nel nostro Paese (il 66,7% del totale): 13 si possono trovare a Milano, inaugurate in partnership con A2A in occasione della Finale di UEFA Champions League, mentre altre 9 presso la rete di concessionari della società.

=> Scopri le auto elettriche e ibride presentate al Salone di Ginevra 2017

A spingere il trend anche una serie di accordi come quelli siglati con i partner operanti nel campo della logistica: GLS, DHL e Poste Italiane su tutti, senza dimenticare Enel e-Go per la fornitura di un servizio taxi 100% elettrico.

I risultati ottenuti costituiscono il frutto di un processo pluridecennale, che ha visto Nissan investire sulla creazione di un concetto di “mobilità più pulita, efficiente e sostenibile”, con un’offerta rivolta sia al settore privato che a quello pubblico e dei professionisti.

I progetti messi in campo da Nissan riguardano non solo i veicoli, ma anche i dispositivi per lo storage dell’energia equipaggiati, ovvero le batterie agli ioni di litio, che grazie a studi e sperimentazioni risultano essere sempre più efficienti, riciclabili e riutilizzabili.

Iniziative come “LEAF to Home”, costituita da un sistema di alimentazione bidirezionale (auto-casa) e “Vehicle to Grid” (integrazione tra veicoli e rete di distribuzione energetica) stanno contribuendo infine a plasmare progressivamente un nuovo ecosistema, in cui la mobilità andrà a pesare sempre meno sull’ambiente e sulle tasche dei cittadini.

6 aprile 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento