Per la prima volta in assoluto, la Fiat 500e sbarca in Europa per diventare protagonista del servizio Car Sharing Torino, che per l’occasione presenta diverse novità nella propria offerta con tariffe più convenienti e una maggiore flessibilità.

La piccola elettrica di casa Fiat finora era stata riservata ad alcuni stati USA e solamente allo scopo di rispondere alle leggi sulle emissioni in vigore su quei mercati. Il gruppo guidato da Marchionne aveva escluso fin da subito un suo arrivo sul mercato europeo, ma adesso, grazie a Car Sharing Torino, anche gli automobilisti italiani potranno mettersi al volante del Cinquino a zero emissioni.

La Fiat 500 elettrica si aggiunge a una flotta che comprende modelli di tutte le dimensioni e di tutte le tipologie, andando dalle citycar ai SUV, passando per le più tradizionali berline e finendo con i veicoli commerciali, per un totale di 126 automobili a disposizione del pubblico 24 ore al giorno tutti i giorni.

Come annunciato nella conferenza stampa dal tema “L’evoluzione che fa la rivoluzione: arriva il car sharing 2.0″, il servizio di auto condivisa destinato al capoluogo piemontese offre da oggi ai propri utenti nuove opzioni di utilizzo. Chi decide di iscriversi pagando una quota di 19 euro una tantum, potrà scegliere infatti le opzioni:

  • Classico: comprensiva di un percorso fisso da e verso lo stesso luogo, una soluzione ideale per chi usa la vettura quotidianamente per lavoro o per studio percorrendo sempre lo stesso tragitto;
  • Andata: soluzione che include un percorso che si conclude con l’arrivo a destinazione, quindi senza l’uso della vettura per ritornare al luogo di partenza;
  • Elettrico: una novità che dà modo agli automobilisti torinesi di mettersi alla guida di un esemplare di Fiat 500e, così da spostarsi agilmente e senza inquinare per le vie cittadine.

Le tariffe di Car Sharing Torino comprendono tutte le spese di carburante e assicurazione e presentano una quota oraria che si combina con una quota chilometrica. Gli iscritti possono accedere a sconti fino al 50%, avendo la possibilità di sottoscrivere un abbonamento annuale al costo di 59 euro.

L’auto condivisa è a disposizione anche delle aziende, a cui è riservata la facoltà di richiedere una tessera impersonale al prezzo di 100 euro associata ad un abbonamento di un anno, con la libertà di essere utilizzata singolarmente da tutti i dipendenti durante gli spostamenti lavorativi.

10 luglio 2014
Lascia un commento