Toyota, Nissan, Honda e Mitsubishi hanno stretto un accordo che li impegnerà nella realizzazione di una rete di ricarica per veicoli elettrici e ibridi. Il progetto, che fa riferimento al Giappone, vede impegnato finanziariamente anche il governo di Tokyo e mira a incentivare la vendita di modelli a propulsione alternativa sul mercato interno, dove nel 2012 sono state immatricolate 3.400.000 vetture di questo tipo.

In totale il governo giapponese metterà a disposizione per l’anno in corso 100,5 miliardi di yen, corrispondenti a circa 963.400.000 euro, mentre i quattro costruttori uniranno le proprie forze e le proprie competenze per supportare la realizzazione di 4.000 nuove stazioni di ricarica rapida e 8.000 di ricarica standard.

Complessivamente verranno costruiti oltre 12.000 impianti che si sommeranno ai 4.700 punti per il rifornimento di energia elettrica già attivi nel paese, tra i quali, circa 1.700, dotati di apparecchiature di ricarica rapida. Nel progetto è prevista l’installazione delle colonnine nelle cosiddette “zone di interesse”, come ad esempio i parcheggi, le aree di sosta nelle vicinanze di negozi, ristoranti o centri commerciali, nonché nei punti di servizio autostradali e presso le stazioni distributrici di carburanti tradizionali.

Lo sforzo del governo e dei costruttori andrà anche nella direzione di coordinare al meglio fra di loro le strutture, evitando quanto accaduto finora nella rete esistente, dove differenze di gestione tra i diversi operatori del settore hanno causato a volte un servizio non perfetto agli automobilisti.

Anche grazie a questi sforzi, in Giappone si cerca di aumentare la quota di vetture elettriche e ibride distribuite, con la speranza di farle arrivare a detenere tra il 15 e il 20% del mercato entro il 2020.

31 luglio 2013
Fonte:
I vostri commenti
luca, venerdì 30 agosto 2013 alle18:20 ha scritto: rispondi »

In italia bisogna spingere con questo progetto le colonnine mancano

Lascia un commento