Ford intravede grandi opportunità nel mercato delle auto elettriche e ha deciso di destinare maggiori risorse finanziarie allo sviluppo di nuove tecnologie e modelli a zero emissioni. In una nota la compagnia americana ha annunciato nuovi investimenti per 4,5 miliardi di dollari (4,1 miliardi di euro) destinati all’elettrificazione della gamma. Uno stanziamento di fondi sostanzioso che da qui al 2020 andrà ad aggiungersi alle risorse già destinate alla mobilità elettrica.

I fondi finanzieranno lo sviluppo della nuova Ford Focus Electric. L’auto elettrica sarà dotata di un sistema di rifornimento ultra-rapido capace di garantire un livello di ricarica dell’80% in appena 30 minuti. La versione attuale della Focus Electric impiega due ore in più per la ricarica. L’autonomia della nuova Ford Focus Electric sarà di 160 km.

L’auto disporrà di nuovi strumenti che faciliteranno una guida ecologica, permettendo al conducente di visualizzare in tempo reale sul display del veicolo i consumi di elettricità e di massimizzare l’efficienza. Una procedura assistita insegnerà al conducente come utilizzare la frenata rigenerativa per ricaricare la batteria elettrica.

Entro il 2020 la Ford aggiungerà al suo portfolio 13 nuove auto elettriche. Oltre il 40% dell’intera gamma Ford avrà un motore elettrico. Come ha sottolineato la compagnia in una nota lo scopo del nuovo piano di investimenti è aumentare la qualità della vita delle persone grazie alla mobilità sostenibile:

Svilupperemo nuovi modelli elettrici per rispondere alla richiesta di veicoli più efficienti e meno inquinanti, un trend in costante aumento in tutto il mondo.

La Ford cercherà di conquistare il mercato delle batterie, espandendosi in Europa e in Asia e finanziando nuovi progetti di ricerca presso l’Università del Michigan. La compagnia americana cambierà inoltre totalmente approccio nella progettazione dei veicoli per rispondere più velocemente alle nuove richieste dei clienti e migliorare l’esperienza di guida. Per raggiungere questo obiettivo la Ford si avvarrà della collaborazione di sociologi, giornalisti, designer e antropologi. Il team della Ford ha già raccolto 80 mila foto e 3 mila ore di filmati, riprendendo centinaia di automobilisti in tutto il mondo per studiare come interagiscono con il veicolo.

Come fa notare la stessa compagnia le ricerche di mercato in campo automobilistico per oltre 70 anni si sono basate sull’opinione diretta dei consumatori. Henry Ford si è sempre mostrato scettico su questo metodo, preferendo puntare sull’osservazione delle abitudini di guida per creare veicoli più funzionali. Raj Nair, vice presidente esecutivo del Product Development, ha spiegato quale sarà la sfida più importante per le case automobilistiche nei prossimi anni:

A dominare il mercato non saranno i produttori di veicoli ipertecnologici, ma le compagnie che sapranno sfruttare al meglio le nuove tecnologie per garantire agli automobilisti un’esperienza di guida piacevole, ecologica, economica e sicura.

11 dicembre 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
I vostri commenti
selidori, sabato 12 dicembre 2015 alle11:40 ha scritto: rispondi »

probabilmente l'autonomia sarà di più: 170km li fa già ora e già oggi lo standard è +200km (i nuovi modelli della concorrenza sono sui 250km).

Lascia un commento