La scorsa settimana la California ha approvato un pacchetto di misure finalizzate a raccogliere un totale pari a 52,4 miliardi di dollari entro i prossimi dieci anni, da destinare al mantenimento e all’ottimizzazione delle infrastrutture dedicate ai trasporti.

=> Scopri la rete di ricarica privata per auto elettriche di Repower

Una parte della somma arriverà da un’imposta che, a partire dal 2020, verrà calata sul capo di coloro che scelgono di acquistare un’auto elettrica: 100 dollari ogni anno. A questa si aggiungerà un aumento del contributo da versare in fase di immatricolazione per qualsiasi veicolo, indipendentemente dal tipo di alimentazione.

Una decisione che non ha mancato di sollevare critiche e proteste. La votazione si è chiusa raccogliendo il numero minimo di voti necessari per l’approvazione del documento “Road Repair and Accountability Act of 2017″, noto anche come “SB1″. Previsto inoltre un incremento della tassazione sul carburante (l’ultimo ritocco verso l’alto è datato addirittura 1994), pari a 0,12 dollari al gallone, a partire dal novembre di quest’anno.

=> Leggi la guida all’acquisto delle auto elettriche

La California non è il primo Stato USA ad approvare un’imposta che grava su chi sceglie di acquistare una vettura a zero emissioni. L’obiettivo dei legislatori è quello di trovare nuovi modi per raccogliere fondi in vista di una diminuzione nell’utilizzo dei carburanti tradizionali, legata alla diffusione di auto elettriche o ibride. In un certo senso, una presa di consapevolezza di come il settore della mobilità stia progressivamente evolvendo verso un modello più eco-friendly.

Una via potenzialmente percorribile e di cui si sta discutendo sarebbe quella di strutturare un nuovo impianto di tassazione capace di tenere conto della distanza percorsa da ogni automobilista nel calcolo delle imposte da versare per la manutenzione delle strade. Un metodo che ha sollevato però forti dubbi soprattutto da parte degli organi impegnati nella tutela della privacy, poiché per attuarlo sarebbe necessario ricorrere all’impiego di sistemi in grado di conoscere nel dettaglio gli spostamenti di ogni cittadino.

12 aprile 2017
In questa pagina si parla di:
Usa
Lascia un commento