Ci sono modelli di automobili che giacciono invenduti sui piazzali dei rivenditori e altri che, al contrario, vanno davvero a ruba facendo allungare a dismisura i tempi di attesa. Di questo secondo gruppo fa parte la Bmw i3, prima elettrica della storia per la casa di Monaco di Baviera la cui domanda supera i volumi produttivi inizialmente programmati.

La Bmw i3 ha già riscosso un buon successo di pubblico sul mercato europeo, dove ha iniziato la sua avventura commerciale lo scorso novembre. La stessa tendenza, adesso, sembra profilarsi anche negli USA, tanto che il costruttore è stato costretto ad aumentare la produzione passando dalle 70 unità giornaliere previste in un primo momento, ai 100 esemplari che escono attualmente dalla fabbrica di Lipsia.

I dati relativi alla compatta elettrica parlano di 5.000 vetture prodotte nei primi mesi del 2014, per un mercato in costante crescita che subirà una decisa accelerazione in occasione della commercializzazione negli USA, cioè quello che, secondo Bmw, sarà il più grande bacino di utenza per il modello.

Con queste premesse appare pertanto alla portata il piano presentato tempo fa dal gruppo tedesco, che conta di assemblare 100.000 elettriche all’anno entro il 2020, un risultato che non potrà essere legato esclusivamente ai paesi europei ma che si giocherà sull’accoglienza ricevuta sui principali mercati internazionali.

23 aprile 2014
In questa pagina si parla di:
bmw
I vostri commenti
Franco Pace, mercoledì 23 aprile 2014 alle18:24 ha scritto: rispondi »

Direi che la Bmw i3 è semplicemente stupenda anche perchè il principio costruttivo della sua motorizzazione è all'avanguardia nella specie delle auto elettriche e non vedo l'ora che venga commercializzata in Italia e speriamo che venda il maggior numero di esemplari possibili ; in questo modo poniamo un limite all'inquinamento termico causa dell'effetto serra ed anche a quello chimico ; teniamo conto che sono necessarie un maggior numero di stazioni di ricarica elettrica anche con annessi impianti fotovoltaici oltre che semplicemente collegate alla rete elettrica la quale non può essere sostituita nel caso di mancanza di sole e durante le ore notturne ; penso che il futuro del mondo stia cominciando in questo modo. Ing. chimico Franco Pace.

Lascia un commento