Auto elettriche: batterie Nissan alimentano stabilimento Japan Benex

Le batterie dei veicoli elettrici Nissan alimenteranno uno stabilimento Japan Benex Corp. in Giappone. L’operazione rientra nel progetto “Future Plant”, lanciato da Sumitomo Corp. insieme a Japan Benex., che prevede per l’alimentazione della struttura (situata a Isahaya, in Giappone) l’impiego combinato di batterie per auto, vetture elettriche Nissan e di un tetto fotovoltaico.

=> Leggi di più sulla partnership Nissan e Sumitomo per il riciclo delle batterie

Una combinazione che pone al centro del progetto l’energia rinnovabile, il riciclo e riuso delle batterie per veicoli elettrici e la sostenibilità ambientale. Tra i protagonisti dell’iniziativa 10 veicoli commerciali 100% elettrici Nissan e-NV200. Nello specifico gli accumulatori contribuiranno a stabilizzare l’energia fornita dai pannelli fotovoltaici e a immagazzinarla per poi rilasciarla nei momenti di maggiore necessità.

=> Scoprì come le batterie di Nissan Lear illumineranno una città giapponese

Gli e-NV200 serviranno per gli spostamenti di lavoro dei dipendenti e verranno ricaricati all’interno del sistema di stoccaggio. Japan Benex e Sumitomo Corp. hanno sviluppato insieme il sistema destinato ai Virtual Power Plant (VPP)1, con l’avviamento, previsto in Giappone, entro il 2020. Si tratterà di vere e proprie “centrali di energia virtuali” che avranno come obiettivo quello di ottimizzare i tempi di carica e scarica dell’energia, al fine di regolare la fornitura e la domanda di elettricità in un’intera regione. Come hanno concluso le due aziende:

Japan Benex e Sumitomo Corp. hanno avviato i test sul campo dei sistemi di stoccaggio dell’energia e dei veicoli elettrici nel quadro della partecipazione al progetto Kansai VPP. Il progetto Future Plant aiuterà a diffondere l’uso dell’energia rinnovabile e a creare un sistema che promuova il riutilizzo delle batterie dei veicoli elettrici, ottimizzando la fornitura e la domanda di energia per realizzare una società a basse emissioni.

19 aprile 2018
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento