Sorgerà nella città di Kamenz, nella regione tedesca della Sassonia, la seconda fabbrica di batterie gestita da Daimler. Sarà affidata alla divisione ACCUMOTIVE. Il progetto è stato annunciato in via ufficiale nella giornata di lunedì, alla presenza della cancelliera Angela Merkel. Il gruppo lancia così la propria sfida al colosso d’oltreoceano Tesla di Elon Musk e alla sua Gigafactory.

=> Leggi i numeri della Gigafactory Tesla per batterie al litio

Si tratta di un’operazione resa possibile da un investimento pari a circa 500 milioni di euro e finalizzato a premere sul pedale dell’acceleratore per quanto riguarda il settore delle auto elettriche. Una strada imboccata dall’azienda come dimostra la presentazione andata in scena lo scorso anno del concept Generation EQ, il primo step di un percorso più ampio e longevo che porterà a investire dieci miliardi di euro in un decennio nel segmento della mobilità elettrica.

=> Scopri perché BMW punta su sole ed elettrolisi per le auto a idrogeno

Una parte delle batterie prodotte da ACCUMOTIVE a Kamenz sarà impiegata anche sui veicoli commerciali e sui mezzi pensati dedicati al trasporto merci. Queste le parole di Dieter Zetsche, presidente di Daimler AG e numero uno di Mercedes-Benz, che anticipa almeno in parte le strategie del gruppo per i prossimi anni:

L’industria automobilistica sta affrontando una trasformazione radicale e noi rappresenteremo la forza motrice di questo cambiamento. La fabbrica di batteria a Kamenz è una componente importante nella nostra strategia che mira all’implementazione delle tecnologie elettriche. Entro il 2022 avremo più di dieci modelli esclusivamente elettrici nel nostro catalogo.

Il nuovo impianto produttivo si trova collocato geograficamente a circa 50 Km dalla città di Dresda ed entrerà in funzione a pieno regime entro la metà del prossimo anno. Copre un’area pari a circa 20 ettari ed è situato nelle vicinanze della fabbrica dove già vengono realizzate batterie al litio. L’espansione consentirà a Daimler di quadruplicare i ritmi di produzione, con ben comprensibili ricadute positive anche sull’occupazione della zona: oltre mille lavoratori impiegati entro il 2020.

24 maggio 2017
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento