Auto elettriche: arriva Sylphy, la Nissan Leaf low cost

La Nissan Leaf è una delle migliori auto elettriche in circolazione: ottime prestazioni e autonomia, confortevole alla guida e molto piacevole esteticamente. Peccato però che il prezzo attuale, soprattutto in paesi come l’Italia, dove non esistono incentivi all’acquisto delle auto elettriche, sia ancora troppo alto, soprattutto se confrontato con i tradizionali modelli a benzina. Ma qualcosa sta cambiando, grazie alla necessità per i car maker di “aggredire” il mercato cinese. In questo senso va letta la produzione avviata oggi di Sylphy, auto elettrica basata su Leaf, che verrà prodotta da Nissan direttamente in Cina, in partnership con Dongfeng Motor group. Sylphy costerà 166,000 yuan, circa 21.000 euro al cambio attuale, un prezzo decisamente più basso rispetto ai 36.360€ con cui viene commercializzata in Italia e circa la metà rispetto a quello della Leaf venduta in Cina.

Hiroto Saikawa, CEO di Nissan, ha dichiarato a propostio della nuova auto elettrica made in China:

“Siamo fiduciosi che la Sylphy Zero Emission, di cui abbiamo dato il via alla produzione oggi, diventerà un player fondamentale nel mercato delle auto elettriche. Realizzeremo una serie di modelli elettrici che soddisferano le esigenze dei consumatori in tutti i segmenti di mercato”.

La mossa di Nissan è intelligente, perché il lancio di un modello low cost di Leaf in un mercato come quello cinese, su cui si sono realizzate la metà delle vendite di auto elettriche lo scorso anno, è strategico per imporsi rispetto ai brand che dominano il mercato asiatico (BYD Auto e BAIC Group solo per citare i più noti).

Sarà molto difficile vedere la Sylphy qui in Italia, ma nel nostro Paese, dove degli incentivi per le auto elettriche non si vede nemmeno l’ombra, sarebbe quantomai interessante poter accedere a modelli low cost prodotti dai colossi del settore.

27 agosto 2018
Fonte:
I vostri commenti
marcello, mercoledì 29 agosto 2018 alle9:24 ha scritto: rispondi »

La Provincia Autonoma di Trento incentiva con 6.000 € le auto solo elettriche e con4.000 € le ibride plug in, escludendo le "autoricaricabili" che, in ogni caso, rimangono le più vendute anche se, in pratica, sono delle auto a scoppio che costano il 50% in più delle normali e consumano il 10% di benzina in meno, forse. Incredibile ma si tratta di un'operazione di marketing fantastica.

Damiano, martedì 28 agosto 2018 alle12:50 ha scritto: rispondi »

l'auto e un modello che potrebbe avviarsi bene qualità buona ma vorrei sapere quante l'autonomia

Lascia un commento