Il Salone di Parigi 2016 potrà essere ricordato come lo spartiacque nella tecnologia evolutiva della mobilità eco friendly. Al Salon de l’Automobile, che si svolge in questi giorni e sarà aperto al pubblico fino a domenica 16 ottobre, le novità parlano chiaro: il futuro dell’auto elettrica si fa sempre più concreto.

Autonomia estesa, sistemi di guida autonoma, reti multimediali per l’”auto connessa” (il veicolo sarà in grado di dialogare con le altre autovetture e con le infrastrutture stradali). Non fa eccezione il Gruppo Daimler – Benz, che a Parigi 2016, confermando queste “voci” tecnologiche per la nuova mobilità, presenta Generation EQ e si spinge a una previsione di mercato per i prossimi dieci anni, che potrebbe portare allo sviluppo di una decina di nuovi modelli zero emissioni.

=>Scopri le novità smart electric drive attese a Parigi

Dieter Zetsche, numero uno del Gruppo, ha dichiarato al “taglio del nastro” di Parigi 2016 quali sono i punti – chiave sui quali Mercedes attuerà la propria strategia tecnologica:

Sistemi di connettività, tecnologie di guida autonoma, sviluppo dell’auto elettrica e nuove soluzioni di car sharing sono gli elementi che possono rivoluzionare il comparto automotive. Tuttavia, la ‘vera rivoluzione’ consisterà nel sapiente dosaggio di queste ‘voci’.

La concept Generation EQ assume un ruolo di primo piano per Mercedes: esposta in veste di prototipo al Salone di Parigi è il modello che anticipa la nuova generazione di auto elettriche da parte di Stoccarda, oltre ad essere la prima vettura allestita sulla nuova piattaforma sviluppata (con ampio ricorso ad acciaio, alluminio e carbonio) dalla Stella a Tre Punte appositamente per i veicoli elettrici.

=> Scopri il SUV Mercedes in arrivo a Parigi

“EQ” diventerebbe, secondo quanto anticipato dai vertici Daimler all’apertura del Salone di Parigi 2016, un “sub – brand”, esattamente come avvenuto in tempi recenti con “i” per BMW; o come, per restare a Stoccarda, AMG per la stessa Mercedes.

Il prototipo Generation EQ si avvale di due motori elettrici da 300 kW, che forniscono il moto a tutte e quattro le ruote. L’alimentazione avviene medinte batterie al litio da 70 kWh, per un’autonomia dichiarata di circa 500 km.

Interessante, nell’ottica delle nuove funzionalità, la presenza degli ausili di guida autonoma, attivabili dal conducente: una tecnologia che debutterà a bordo della gamma Mercedes entro il 2020.

Altrettanto di primo piano è la strategia di elettrificazione programmata dal Gruppo Daimler: un progetto a medio – lungo termine prevede il debutto sul marcato di almeno dieci nuovi modelli elettrici. Le novità sono attese entro il 2025, e per questo Daimler – Benz attuerà un maxi investimento (si parla di almeno un miliardo di euro) da destinare alla produzione di batterie.

3 ottobre 2016
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento