Per abbattere i costi delle auto elettriche, ancora troppo alti, bisogna ridurre il prezzo delle batterie. Il resto dell’auto, motore e trasmissione a parte, è praticamente identico alla controparte a benzina o diesel e quindi si deve lavorare molto sull’efficienza e il costo del pacco batterie. Ma non solo: è proprio la batteria che, dettando i limiti di percorrenza, decreta il successo o il fallimento di un veicolo elettrico.

ENVIA, giovane start up californiana, afferma di aver trovato una prima soluzione al problema e di aver creato una batteria molto potente ma, allo stesso tempo, più economica di quelle utilizzate dai produttori di auto elettriche. Questa batteria raggiunge una capacità di 400Wh/kg, mantenendo dimensioni e peso ragionevoli: ogni cella misura 97X190X10 millimetri e pesa 365 grammi.

Questi risultati sono stati ottenuti grazie a un nuovo catodo (uno dei due poli, insieme all’anodo, di ogni batteria) costruito con materiali di nuova generazione e facendo abbondante uso di manganese. Questo metallo, secondo ENVIA, permette un’elevata stabilità della batteria anche ad alti voltaggi e permette di immagazzinare più energia a parità di peso e dimensioni rispetto alle tradizionali batterie al litio.

I risultati fino a ora ottenuti sembrano interessanti. Ma ancora più interessante sembra il modello di business di ENVIA, che afferma di non voler costruire una grande fabbrica di batterie, mettendosi in concorrenza con i grandi produttori asiatici. ENVIA sa che sarebbe una mossa troppo azzardata e preferisce cercare l’accordo con i produttori di auto elettriche e offrire la sua tecnologia vendendone i diritti di utilizzo.

27 febbraio 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
Rodolfo, sabato 19 ottobre 2013 alle22:52 ha scritto: rispondi »

vorrei avere informazioni su queste nuove batterie. Grazie

Lascia un commento