In un mercato dell’automobile che in Europa Occidentale mostra qualche segno di ripresa, arriva un segnale positivo anche per quanto concerne il comparto dei veicoli elettrici, finora visti con una certa diffidenza dal pubblico europeo con la sola eccezione di alcuni mercati del Nord. Le statistiche riferite al mese di giugno vedono infatti un significativo aumento delle immatricolazioni, con una quota complessiva che ha fatto registrare un leggero balzo in avanti.

Il mercato dell’auto elettrica ha chiuso infatti con una crescita delle vendite pari all’80%, passando da 3.000 a 5.350 veicoli distribuiti. Grazie a questi risultati, la quota media a giugno passa dallo 0,24% allo 0,34%, mantenendosi tuttavia ancora marginale se confrontata alle cifre fatte registrare dai veicoli a propulsione tradizionale.

A pesare sulla domanda è come sempre la Norvegia, dove i modelli elettrici registrano un vero e proprio boom riuscendo a quadruplicare le consegne rispetto al periodo precedente.

Se si esclude il paese scandinavo è chiaro che i freddi numeri mostrano ancora qualche stento di troppo, ma gli osservatori del mercato si dicono fiduciosi sugli obiettivi che potranno essere raggiunti nella seconda metà dell’anno, forse facendo leva sul totale di immatricolazioni complessive che per il primo semestre del 2014 parla di oltre 29.000 vetture elettriche distribuite.

7 agosto 2014
Fonte:
Lascia un commento