Auto a idrogeno: Toyota pronta a produzione di massa

Le auto a idrogeno promettono di essere la rivoluzione del futuro per quanto riguarda la mobilità sostenibile. E in questo senso la sfida è stata colta pienamente da Toyota. La nota azienda automobilistica si dichiara pronta alla produzione di massa di veicoli a basso impatto ambientale.

Toyota si impegna a raddoppiare i suoi investimenti sulle auto a idrogeno, lavorando ad automobili e a SUV a basso costo. Vorrebbe spingere la tecnologia ad una maggiore diffusione, portandola anche su autobus e camion. Per il 2020 è atteso Mirai, il primo veicolo a combustibile a idrogeno.

=> Scopri l’autocarro di Toyota con autonomia 320 km

Sono molte le attese del produttore nei confronti di questo veicolo, perché mira a far ricredere anche quegli altri esperti del settore che non hanno accettato di impegnarsi in questo campo, perché non l’hanno ritenuto abbastanza redditizio dal punto di vista commerciale. L’ingegnere capo di Mirai, in una recente intervista, ha avuto modo di dichiarare:

Passeremo dalla produzione limitata alla produzione di massa. Ridurremo la quantità di materiali costosi come il platino e renderemo il sistema più compatto e potente.

Non sono state rilasciate dichiarazioni dettagliate sui progetti futuri. Tuttavia già ci sono molti indizi che lasciano pensare come Toyota punti sulle auto a idrogeno per una mobilità in grado di rivelarsi ecosostenibile.

Toyota si basa sulla convinzione che l’idrogeno può diventare una fonte essenziale di energia pulita nei prossimi 100 anni. Secondo l’azienda, l’idrogeno è l’elemento più abbondante nell’universo e riesce ad immagazzinare una grande quantità di energia.

=> Leggi la svolta di Toyota: addio alle auto diesel

L’azienda automobilistica ha fatto anche delle precise stime per il futuro, giungendo alla conclusione che la vendita in tutto il mondo di veicoli green potrà aumentare in modo significativo, passando dopo il 2020 da 3 mila all’anno ad almeno 30 mila.

Ecco perché Toyota ha presentato anche un piano per ampliare la produzione di serbatoi di idrogeno ad alta pressione, per utilizzare questo combustibile in maniera ampia. I tecnici sono già al lavoro per utilizzare parti sviluppate per Mirai in altri modelli, garantendo un parco auto di grandi dimensioni.

27 luglio 2018
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento