Al Salone di Los Angeles 2014 debutta in queste ore la nuova Audi A7 Sportback h-tron quattro, una concept che segna il debutto del costruttore di Ingolstadt nel settore delle auto a idrogeno, con un modello destinato ad arrivare sul mercato nei prossimi anni.

La conferma dell’intenzione di produrre in serie la vettura è arrivata direttamente da Ulrich Hackenberg, responsabile dello reparto tecnico Audi, ma al momento imprecisata la possibile data di uscita, che resta vincolata alla creazione di una rete di infrastrutture per la distribuzione dell’idrogeno sufficiente a soddisfare i bisogni di mobilità del pubblico.

La nuova Audi A7 Sportback h-tron quattro presenta due motori elettrici da 85 kW ciascuno, ma la potenza di ogni propulsore può salire a 114 kW per brevi periodi, come ad esempio durante il completamento di un sorpasso. La coppia raggiunge invece i 540 Nm, mentre la trazione, come si capisce dalla sigla “quattro” inserita nel nome, è integrale ed è gestita da un sistema elettronico.

Il veicolo si avvale inoltre di una batteria agli ioni di litio da 8,8 kWh sistemata nella parte posteriore e in grado di garantire un’autonomia di 50 chilometri nel caso in cui la riserva d’idrogeno dovesse esaurirsi dopo i circa 500 chilometri dichiarati dal costruttore. Oltre a questa dotazione c’è ovviamente il sistema fuel cell strutturato in 300 cellette contenute in quattro serbatoi che contribuiscono a portare il peso complessivo della vettura a 1.950 chilogrammi.

Secondo Audi, la A7 Sportback a idrogeno è in grado di raggiungere una velocità di punta di 180 km/h e di scattare da 0 a 100 km/h in 7,9 secondi assicurando consumi molto bassi dovuti all’efficienza della tecnologia implementata, al punto che basta solo un 1 chilogrammo di idrogeno per percorrere 100 chilometri.

La concept si conferma quindi un veicolo molto parco e dai ridotti costi di mantenimento, con il vantaggio di poter essere rifornito completamente di carburante in circa tre minuti.

21 novembre 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento