Auto a guida autonoma: Ikea le trasforma in hotel, uffici e bar

I progressi nella ricerca di soluzioni per rendere le auto dei veicoli a guida autonoma sono ormai sempre più evidenti. Un tema sul quale non si è voluta far trovare impreparata Ikea, la popolare azienda specializzata nell’arredamento e nei mobili da montare. Attraverso il suo laboratorio “SPACE10″ il gigante svedese ha proposto alcune idee per trasformare un semplice viaggio in un’occasione per svolgere il proprio lavoro, rilassarsi in compagnia davanti a un caffè o persino acquistare frutta e verdura direttamente dal contadino.

Obiettivo Ikea quello di trasformare le auto a guida autonoma in vere e proprie esperienze su gomma, come ad esempio la vettura allestita non soltanto per trasportare i lavoratori a destinazione, ma dotata di un ufficio e di una vera e propria sala riunioni. Altra idea per “guadagnare” tempo è quella che vede il veicolo trasformato in un bar/caffè viaggiante, così da permettere una pausa tra un appuntamento e l’altro anche in caso di necessità di spostamento.

=> Leggi di più sul minibus elettrico a guida autonoma

Lato acquisti è stata proposta come detto una vettura a guida autonoma che possa portare frutta e verdura del contadino direttamente ai consumatori. Non solo, la stessa Ikea ha ipotizzato la possibilità di trasformare il veicolo in un proprio mini punto vendita. Altra possibilità avanzata dal gigante svedese dell’arredamento è quella di trasformare le auto in momenti di istruzione e intrattenimento sfruttando la realtà aumentata, con la quale far conoscere al passeggero fatti e curiosità sui luoghi attraversati durante il viaggio.

Uno degli allestimenti proposti da Ikea prevede l’utilizzo di vetture a guida autonoma per portare assistenza sanitaria professionale in quelle località fortemente lontane o quasi inaccessibili. In ultimo anche una soluzione per chi si trova a dover trovare un posto in cui dormire, che potrebbe essere proprio l’auto: un’alternativa confortevole come una stanza d’albergo e che potrebbe permettere anche di affrontare il viaggio stesso nelle ore dedicate al riposo.

18 settembre 2018
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento