Asteroide: scoperto cratere sotto i ghiacci della Groenlandia

Scoperto sotto i ghiacci della Groenlandia il cratere di un asteroide schiantato sulla Terra tra 2,5 milioni e 12 mila anni fa. Si trattava di un oggetto metallico dalla dimensione considerevole, un diametro di circa 1,5 chilometri, in grado di produrre un cratere di 31 chilometri di diametro e dalla profondità di 300 metri. Un corpo celeste in grado di spazzare via in un solo istante l’intera città di Roma.

L’impatto dell’asteroide sulla Terra fu devastante, seppure inferiore per dimensione e “potenza” rispetto a quello che determinò l’estinzione dei dinosauri, paragonabile a quello di 47 mila ordini nucleari simili a quello sganciato su Hiroshima. Secondo gli esperti l’evento straordinario determinò conseguenze climatiche per tutto il Pianeta.

=> Leggi di più sull’asteroide 2017 GM

Stando a quanto riportato il 14 novembre sulla rivista “Science Advances” il luogo del ritrovamento sarebbe avvenuto in un’area remota nella parte nord-occidentale della Groenlandia nel corso dell’operazione IceBridge della NASA. La scoperta è stata possibile grazie all’utilizzo di uno speciale radar posizionato a bordo di un aereo.

=> Scopri 2010 TK, l’asteroide che segue la Terra

Da quanto si è appreso la scoperta è avvenuta nel 2015, ma non è stata divulgata prima a causa dei tre anni necessari per procedere alle opportune verifiche. Non del tutto certa la datazione dell’evento, che sembra corrisponde al Pleistocene (iniziato poco più di 2,5 milioni di anni fa).

A giudicare dallo stato di conservazione delle strutture gli scienziati ipotizzano però che si tratti di un avvenimento molto più recente, tra i 125 mila e i 12 mila anni fa; ciò renderebbe il ritrovamento particolarmente sensazionale in quanto renderebbe tale cratere, che risulta già essere il più a nord mai rinvenuto (78.72° Nord), anche il più recente.

16 novembre 2018
Lascia un commento