Associazione animalista cerca di salvare uno scoiattolo nudo

Una difficile condizione di sopravvivenza quella di un piccolo scoiattolo completamente privo di mantello, intercettato dai passanti presso un parco a Dunstable, in Inghilterra. A quanto pare il roditore si aggirerebbe per lo spazio ricoperto da foglie senza l’agio di una pelliccia, quindi esposto agli agenti atmosferici e al freddo. Molti gli amanti degli animali scesi in campo in suo soccorso, tutti intenzionati a cercare il nascondiglio dello scoiattolo o pronti a segnalarlo alle autorità competenti. A quanto pare nel forum dedicato alla cittadina, situata a quasi cinquanta chilometri da Londra, le informazioni e gli aggiornamenti in merito si susseguirebbero con continuità. Ma per il momento del piccolo roditore non ci sarebbero avvistamenti recenti.

Ad interessarsi al suo benessere è anche l’associazione di zona Bedfordshire Wildlife Rescue, che ha inviato un piccolo team per la sua ricerca. Per il momento alla segnalazione ricevuta dal gruppo non ha fatto seguito nessun incontro, quindi nessun recupero effettivo. Ma il gruppo non demorde e procede controllando il parco palmo a palmo. Gli abitanti della cittadina sperano di poter mettere in salvo lo scoiattolo, così da precludergli la sofferenza e il disagio dato da temperature troppo basse. Le stesse che si paleseranno nei prossimi giorni, con un aumento del gelo e del freddo intenso.

Impossibile da superare senza un’adeguata copertura termica come è la pelliccia per gli scoiattoli, vera e propria copertura fisica. L’associazione non è in grado di stabilire la causa di questa condizione, fino a quando non avrà esaminato il piccolo non potrò pronunciarsi con sicurezza. Ma si ipotizza che lo scoiattolo sia glabro per svariati motivi, tra questi anche la rogna. Una malattia che provoca infiammazione delle cute ed è data da alcuni parassiti, gli acari, causando la caduta del pelo ed il prurito. Spesso colpisce i cani, ma può diffondersi anche in altre specie. L’associazione spera di recuperare presto il piccolo così da visitarlo tempestivamente e attivare le cure necessarie per il suo benessere.

20 novembre 2015
Fonte:
Lascia un commento