Artrite: olio di pesce rimedio utile per alleviare il dolore

Un aiuto contro il dolore causato dall’artrite proviene dall’alimentazione. È quanto hanno scoperto gli scienziati dell’Università del Surrey, che hanno analizzato più di 60 studi sull’argomento e hanno visto che solo un supplemento di olio di pesce al giorno può ridurre in maniera significativa il disagio nei pazienti affetti da osteoartrite.

La ricerca pone l’attenzione sullo stile di vita e sull’alimentazione come metodi per alleviare il dolore dell’artrite, spiegando che un aiuto importante può arrivare anche dalla vitamina K, che si trova negli spinaci, nel prezzemolo e nei cavoli. Questo rimedio naturale può essere utile per alleviare i sintomi e per promuovere la riparazione della cartilagine e delle ossa.

=> Scopri i benefici dei broccoli contro l’artrite

La perdita di peso è un fattore fondamentale per la riduzione del dolore, secondo questa ricerca, perché permette di far diminuire lo sforzo sulle articolazioni. Il professor Ali Mobasheri, autore dello studio, ha spiegato che bisogna considerare lo stile di vita se si vuole ridurre il dolore dell’artrite:

I pazienti non possono aspettarsi miracoli con interventi dietetici se sono in sovrappeso e bevono o fumano pesantemente.

Gli integratori di olio di pesce in particolare avrebbero un ruolo importante nell’attenuazione dell’infiammazione e quindi nella conseguente riduzione del dolore. Secondo i risultati in realtà gli stessi effetti benefici si possono ottenere mangiando pesce intero, ma è stato notato che non sono molte le persone che riescono a soddisfare le linee guida dietetiche che prevedono il consumo di una porzione di pesce a settimana. Per questo motivo assumere degli integratori può essere più semplice.

=> Leggi di più sugli effetti della vitamina D contro artrite e mal di schiena

È stato osservato che i livelli di colesterolo alto possono essere collegati all’artrite, perché causano infiammazione e provocano la distruzione della cartilagine. Per questo sarebbe opportuno seguire una dieta che includa più fibre, con avena o noci, per favorire la riduzione dei livelli di colesterolo nel sangue. Margaret Rayman, autrice dello studio, ha spiegato che non dovrebbe mai essere sottovalutata l’importanza di una corretta alimentazione e di un’attività fisica svolta con regolarità:

Siamo ciò che mangiamo ed è importante avere la giusta quantità di nutrienti dal nostro cibo per garantire che i nostri sistemi corporei funzionino come dovrebbero.

Secondo i ricercatori, che hanno pubblicato i risultati dello studio sulla rivista Rheumatology, viste le opzioni di trattamento disponibili limitate per i pazienti che soffrono di artrite, qualsiasi possibilità di azione senza rischi per contribuire a far diminuire la progressione della malattia o per alleviare i sintomi dovrebbe essere provata.

9 maggio 2018
Lascia un commento