L’artrite è una patologia che coinvolge frequentemente i cani, soprattutto se anziani. Nonostante le numerose cure, la patologia è spesso fisiologica della terza età di Fido e la sua progressione può solo essere rallentata, ma non del tutto eliminata. Un nuovo studio, però, svela come alcuni rimedi naturali possano essere particolarmente indicati.

La ricerca, condotta da Éric Troncy e Maxim Moreau della facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università di Montreal, si è basata sulla somministrazione di alcuni rimedi naturali dal noto potere antinfiammatorio a cani affetti dall’artrite. Fra i tanti ritrovati utilizzati, curcuma, artiglio del diavolo, ribes nero, cortecca di salice e camomilla. A questi, si è aggiunto un supplemento di Omega 3, condroitina solfato e glutammina.

Il primo gruppo fitoterapico è servito per trattare le infiammazioni, le aggiunte alimentari invece per stimolare la naturale capacità di adattamento delle giunture degli arti. I ricercatori hanno quindi diviso gli animali, 32 esemplari in totale, in due gruppi: il primo ha seguito la cura naturale, il secondo un trattamento placebo. Nel mese successivo, è stata quindi misurata la forza delle zampe di ogni animale, quindi l’andamento della camminata grazie anche a una speciale piattaforma di misurazione. Inoltre, i livelli biometrici di Fido sono stati monitorati grazie a uno speciale collare elettronico.

I risultati sono stati promettenti: i cani sottoposti a cura naturale hanno visto aumentare le ore di attività motoria da 6 a 8 al giorno, mentre il gruppo placebo è diventato meno attivo, con un 35,8% di peggioramento delle condizioni di salute. Serviranno però ulteriori studi per confermarne la portata, anche perché le dichiarazioni dei proprietari non sarebbero così entusiastiche. Con molta probabilità, tuttavia, si tratta di rilevazioni che non sono immediate all’occhio umano, soprattutto con la convivenza continua, quindi è probabile che i proprietari non si siano semplicemente accorti dei piccoli ma fondamentali miglioramenti.

11 novembre 2014
Fonte:
Lascia un commento