L’aria condizionata incrementa il tasso di mortalità, ecco perché

In un momento in cui il riscaldamento globale rappresenta una preoccupazione crescente, l’aria condizionata utilizzata per raffrescare appartamenti e uffici potrebbe peggiorare le cose, causando peraltro più decessi e malattie nel tempo. Lo rivela un nuovo studio condotto dall’Università del Wisconsin-Madison, appena pubblicato dalla rivista Public Library of Science Medicine all’interno di uno speciale dedicato ai cambiamenti climatici.

Poiché il cambiamento climatico continua a spingere le temperature estive sempre più in alto, secondo la ricerca il maggior uso dei climatizzatori negli edifici potrebbe incrementare la problematica contribuendo a degradare la qualità dell’aria e la salute delle persone.

=> Scopri cosa sta accadendo alla terra per i cambiamenti del clima

Nello specifico, solo negli Stati Uniti si prevedono fino a mille decessi in più all’anno a causa degli elevati livelli di inquinamento atmosferico derivanti dall’aumento dell’uso dei combustibili fossili che si usano per raffreddare gli edifici in cui gli esseri umani vivono e lavorano. Spiega così la situazione Jonathan Patz, esperto di cambiamenti climatici e dell’impatto che hanno sulla salute umana:

Le ondate di calore aumentano e aumentano di intensità. Avremo più domanda di raffreddamento che richiede più elettricità. Ma se la nostra nazione continua a fare affidamento su centrali elettriche alimentate a carbone per una parte della nostra elettricità, ogni volta che accendiamo l’aria condizionata sporcheremo l’aria, causando più malattie e persino morti.

=> Leggi come avere una casa fresca senza condizionatore

Già la (scarsa) qualità dell’aria rappresenta un grosso problema per la salute pubblica, causando migliaia di morti ogni anno per le polveri sottili e l’ozono, ma sapere che altri mille decessi dovrebbero verificarsi a causa del sempre più massiccio uso della climatizzazione alimentata dai combustibili fossili rappresenta un ulteriore allarme. La soluzione, secondo gli scienziati, è quella di passare a fonti di energia più sostenibili quali ad esempio l’energia eolica e solare.

12 luglio 2018
Immagini:
Lascia un commento