Considerato un precursore degli antibiotici, l’argento colloidale rappresenta un rimedio naturale per trattare infezioni causate da batteri, funghi e virus. Si tratta di un prodotto a base di particelle d’argento caratterizzato da una carica ionica positiva, adoperato generalmente per uso esterno e ritenuto valido non solo per lenire alcuni disturbi dell’uomo ma anche per curare alcuni tipi di infezioni negli animali e nelle piante.

=> Scopri le proprietà dell’olio di canola


La concentrazione d’argento presente nel prodotto, che è possibile reperire in gocce o spray, varia da 5 a 20 ppm, un dosaggio molto basso che tuttavia viene considerato sufficiente come battericida e fungicida. Al contrario di quanto avviene con i comuni antibiotici, il sistema immunitario non viene indebolito dall’uso dell’argento colloidale, ma prima di utilizzarlo e soprattutto di sostituirlo ai farmaci tradizionali è fondamentale consultarsi con il medico, evitando cure fai da te che possono peggiorare i sintomi e causare conseguenze spiacevoli.

Proprietà

L’argento colloidale vanta notevoli proprietà antibatteriche e antifungine ma rappresenta anche un potente antinfiammatorio, tanto da poter essere usato per alleviare i dolori provocati da alcune patologie come artrosi e artrite. Le sue potenzialità sono evidenti soprattutto in caso di infezioni alla pelle ma anche per curare una ferita o una scottatura, grazie alla sua capacità di favorire la rigenerazione dell’epidermide.

Notevoli gli effetti benefici per quanto riguarda alcuni mali di stagione, come il raffreddore e il mal d’orecchie ma anche la sinusite: è sufficiente distribuire poche gocce sulle parti interessate e lasciare agire pochi minuti, dando la possibilità al liquido di eliminare la carica batterica e gli agenti infettivi e agevolando il processo di guarigione.

=> Scopri i sintomi del Cytomegalovirus


Sono consigliati anche i gargarismi a base di argento colloidale in caso di mal di gola o per sfiammare le gengive. Sulla pelle è utile per curare micosi, eritemi e psoriasi così come una semplice dermatite. Sono in molti a sottolinearne i benefici dal punto di vista estetico, tanto che l’argento colloidale può essere adoperato come tonico per il viso in versione spray al fine di ridurre i segni del tempo e le rughe di espressione, promuovendo rigenerazione cellulare. Infine, è possibile anche usarlo per regolare la produzione di sebo sul cuoio capelluto e ridurre la forfora.

Altri usi

Grazie alla sua potente azione antibatterica, può rappresentare un rimedio efficace per igienizzare e disinfettare utensili e sanitari prima di utilizzarli. Per lo stesso principio, inoltre, si rivela utile per contrastare gli effetti di una cattiva sudorazione e deodorare alcune parti del corpo che sono maggiormente soggette a questo disagio, come le ascelle e i piedi. Usato sui fiori e sulle piante, infine, aiuta a difendere da parassiti e insetti.

=> Scopri la sindrome dell’orecchio secco


Controindicazioni

Se utilizzato secondo le dosi indicate, l’argento colloidale non presenta particolari controindicazioni e non produce effetti collaterali di notevole gravità: è tuttavia necessario prestare attenzione all’interazione con altri farmaci e a possibili reazioni allergiche, comunicando al medico qualsiasi sintomo o cambiamento che si nota dopo l’assunzione.

7 giugno 2017
Lascia un commento