L’Area C torna in vigore a Milano a partire dal 17 settembre. Questa è la grande novità che accompagna i milanesi nel loro pieno ritorno ai ritmi lavorativi. Da Palazzo Marino annunciano la risoluzione di tutti i nodi sollevati dal Consiglio di Stato e il nuovo via al provvedimento di limitazione del traffico all’interno della cosiddetta “Cerchia dei Bastioni“. Durata prevista sei mesi.

Area C cambia innanzitutto su uno dei fronti che da subito si era imposto fra i più caldi, quello delle autorimesse del centro. I gestori dei parcheggi a pagamento nella zona limitata al traffico avevano sollevato subito la questione delle difficoltà economiche previste con l’entrata in vigore del provvedimento. L’avvicinamento da parte del Comune di Milano c’è stato e ha portato alla sottoscrizione del Protocollo d’Intesa con l’APA (Associazione Provinciale Autorimesse).

Un provvedimento in realtà, come sottolineano da Palazzo Marino, già messo in cantiere a giugno e definitivamente sottoscritto il 23 luglio. Grazie al documento potranno essere applicate tariffe speciali: con una spesa di 10 euro per il parcheggio in una delle autorimesse convenzionate si potrà usufruire anche di uno sconto sul ticket di Area C, che costerebbe a quel punto 3 euro anziché 5.

Altro punto su cui aveva posto l’accento il Consiglio di Stato e su cui è intervenuto il sindaco Pisapia è la riforma del PGTU (Piano Generale del Traffico Urbano). Oltre a questo vengono effettuate alcune modifiche anche ai confini stessi di alcune zone dell’Area C e consentito l’accesso ai mezzi di lunghezza fino a 7,5 metri rispetto ai 7 del precedente provvedimento.

Palazzo Marino inaugura poi il “giovedì ridotto”, giornata in cui l’orario dell’Area C sarà accorciato (stop alle 18 invece che alle 19 e 30) per rispondere alle esigenze manifestate in particolar modo dai negozianti. A questo si aggiungerà il permesso di circolazione per i diesel euro 3 con doppia guida in dotazione alle autoscuole.

Un ultimo ostacolo resta però ancora da superare per l’Area C: alcuni dubbi ancora da sciogliere sono legati all’attesa della decisione del TAR (Tribunale Amministrativo Regionale) in merito alla questione sollevata dalla Mediolanum Parking. Sentenza definitiva prevista per il prossimo 14 novembre.

7 settembre 2012
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento