L’edilizia sostenibile prende sempre più piede e in quel di New York è già realtà. Dopo l’inaugurazione avvenuta lo scorso febbraio, l’Arbor House è ora pronta ad accogliere 124 famiglie nel pieno rispetto dell’ambiente e della salute degli inquilini. Un progetto innovativo che ha riscosso un successo inimmaginabile, il primo passo per costruzioni sempre più amiche dell’ambiente e per nulla pericolose per l’uomo.

La struttura sorge nel Bronx e la scelta di questo quartiere è tutt’altro che casuale: l’Arbor House, infatti, vuole essere il simbolo della rinascita di una zona purtroppo famosa in tutto il globo per le difficili condizioni di vita a cui sono costretti gli abitanti. La struttura, che si estende su una superficie di oltre 11.000 metri quadrati, vede il ricorso a materiali di riciclo e a chilometro zero, oltre all’implementazione di tutti gli standard più moderni per lo sfruttamento dell’energia rinnovabile, a partire dal solare. Un edificio all’avanguardia che non è però pensato per i grandi portafogli: i 124 appartamenti sono stati consegnati a famiglie dal ceto medio, privilegiando inquilini con problemi di salute quali obesità, diabete e disfunzioni cardiache.

Sì, perché l’obiettivo dello straordinario palazzo non è solo quello di ridurre l’inquinamento, ma anche di invitare le persone a uno stile di vita più sano. Così è disincentivato l’utilizzo degli ascensori, affinché gli inquilini facciano più movimento, e sul tetto è montata una serra in grado di provvedere ai bisogni di frutta e verdura di tutti gli abitanti e, anzi, di produrre anche un surplus che verrà consegnato ai bisognosi e alle associazioni no profit del quartiere. La terrazza verde, inoltre, abbatte il tasso di CO2 proveniente dalle quotidiane routine dei suoi abitanti, rendendo l’Arbor House prossima all’impatto zero.

Non è però tutto: con il crescente verificarsi di patologie respiratorie dovute allo smog dei grandi centri cittadini, per l’Arbor House si è deciso di far ricorso a vernici speciali e anallergiche, oltre a una speciale hall con un sistema di filtraggio e circolazione forzata dell’aria fresca. Un toccasana per chi da anni è costretto all’uso di mascherine, spray e farmaci antistaminici per garantire una corretta funzionalità polmonare.

28 agosto 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
I vostri commenti
Virgilio, sabato 1 febbraio 2014 alle14:57 ha scritto: rispondi »

Siamo tutti felici che la bioedilizia va avanti.Ma siamo sempre a zero se non si abbassa la percentuale delle persone che mangiano carne.Fino a quando noi così detti esseri umani non riusciamo a capire che la vita viene dalla vita ,mentre dalla morte deriva e arriva solo morte e distruzione,siamo veramente molto lontani dal significato della vita.Se non riusciamo a capire questo,tutto il resto e solo un palliativo per allontanarci dalla vera realtà.Tutti i ricercatori della verità dichiarano a gran voce che mangiare carne inquina molto di più di qualunque cosa.Ma poche sono le persone che parlano di questo.I veri ricercatori ci dicono che se solo non mangeremo carne per un solo giorno a livello di inquinamento è come fermare 650.000.000 di macchine.Pensiamo a questi numeri.Pensiamo alle malattie che si generano mangiando carne.Pensiamo alle casse dello stato che a causa delle malattie che si generano mangiando carne.Allora per quale motivo non si parla di questo.E giusto che la bio edilizia vada avanti. E giusto che si creino macchine a basso inquinamento e giusto ogni cosa che potrà farci vivere più degnamente.Ma tutto questo è solo palliativo se per prima cosa non mettiamo la salute del così detto essere umano al primo posto.Essere vegetariani e solo la base della vita.Le fondamenta della vita.La base dove si potrà costruire un futuro migliore per tutti noi e per i nostri figli.La base per la quale non ci dovremmo vergognare di guardarci nello specchio.Questa è la verità che nessuno potrà mai smentire veramente.Mangiando carne stiamo veramente divorando sia noi stessi sia il pianeta che ci ospita.Un vegetariano consuma solo il dieci per cento delle risorse dalla terra ,mente il novanta per cento viene veramente divorato senza vergogna dai mangiatori di carne.Ecco perchè dovremmo farci i conti in tasca è se veramente vogliamo mangiare carne come minimo dovremmo essere coscienti di tutto questo...

Lascia un commento