È un avvistamento decisamente singolare, quello avvenuto in Canada negli scorsi giorni e poi rapidamente condiviso sui social network, fino a divenire virale. Protagonista è un’aquila che, finita inavvertitamente in acqua, dimostra delle inedite doti da perfetta nuotatrice. Senza perdersi d’animo, infatti, l’animale raggiunge la riva a grandi falcate, sfruttando le ali come pinne.

Il tutto è stato ripreso nella Columbia Britannica, in Canada, dove Cheryl Papove ha assistito al singolare evento. Mentre si trovava nei pressi di uno specchio d’acqua di Belcarra, di primo mattino la donna e il marito hanno sentito dei rumori, dovuti a un litigio aereo fra due volatili. Uno di questo, una tipica aquila calva, durante il combattimento è però caduto in acqua. Una situazione potenzialmente pericolosa per molte specie di volatili, ma non di certo per questo rapace che, senza perdersi d’animo, ha raggiunto facilmente la riva.

=> Scopri il selfie con l’aquila


Il video mostra l’animale sfruttare le proprie ali come grandi pinne e, grazie ad ampie falcate, procedere velocemente sulla superficie del corso d’acqua. Una volta giunto a riva, si è quindi preso qualche minuto per alleggerire il piumaggio dall’acqua accumulata, per poi riprendere poco dopo il consueto volo.

Così come conferma Martina Versteeg, supervisore dei rapaci presso l’O.W.L. Orphaned Wildlife Rehabilitation Center, questa qualità non è tuttavia insolita per le aquile calve. In particolare, l’esperta spiega come questi animali sfruttino le loro capacità di nuovo durante la cattura dei pesci: se l’esemplare pescato risulta troppo pesante, tanto da rendere difficile prendere il volo, non è insolito ricorrano alla nuotata fino alla terraferma.

=> Scopri l’uccello con le scarpe ortopediche


Tuttavia, la registrazione in questione rimane del tutto unica nel suo genere, anche perché questo comportamento non è solitamente noto ai più. Non a caso, il video è diventato immediatamente virale su YouTube, per poi trovare riscontro anche sui social network.

6 giugno 2017
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento