Come conciliare lo spirito green di molti utenti tecnologici con l’irrinunciabile passione per i prodotti Apple? A rispondere a questa domanda ci pensa Snow Lizard Products, con un particolare case: Aqua Tek S. Si tratta di una custodia per iPhone 4 e iPhone 4S pensata per gli utilizzi d’avventura e, non ultimo, per approfittare di una ricarica completamente solare.

Il case, dalle dimensioni tutt’altro che contenute, protegge iPhone garantendo la massima esclusione dei danni in caso di cadute, variazioni di temperatura o contatti accidentali con i liquidi. Una custodia spartana, e completamente ermetica, che sul su retro dispone di un pannello per l’energia solare, capace di fornire alimentazione continua al dispositivo.

Progettato in un’ottica marcatamente green, l’ingombro di Aqua Tek S non inibisce il normale uso del melafonino. Lo schermo multitouch, pur essendo protetto dal versamento accidentale di liquidi, rimane pienamente accessibile, così come tutti i comandi laterali. E non è tutto, perché la chiusura a prova di acqua protegge al meglio anche la fotocamera, garantendo così la possibilità di piccole immersioni subacque fino a tre metri di profondità per scattare immagini o registrare video in HD.

Aqua Tek S, presto in vendita a circa 100 dollari, sarà disponibile in svariati colori, tutti in perfetto stile camouflage. Il dispositivo, così come dichiarato dai produttori stessi, è pensato per tutti coloro che non vogliono rinunciare alla tecnologia nemmeno quando si è in strettissimo contatto con la natura, con un sistema che non sia però inquinante o dispendioso in termini di energia. Ed è proprio per questo che Aqua Tek S nasce completamente ecologico. Oltre ad avvalersi dell’energia solare, infatti, i suoi componenti risultano tutti altamente riciclabili: che si sia dispersi fra i boschi delle montagne o alla ricerca di qualche cetaceo nascosto in mezzo all’oceano, il case soddisferà la voglia di email o di navigazione su iPhone con la consapevolezza di non pesare affatto sull’ambiente.

18 febbraio 2012
Fonte:
Lascia un commento