Un’interessante novità che prenderà vita a febbraio e avrà come luogo di nascita via Tommaso Campanella a Roma, garantendo così un’offerta varia e in linea con le realtà già presenti nel resto del mondo. Parliamo di un ristorante dedicato a cani e gatti di affezione, non il classico esercizio per umani con ingresso garantito anche agli animali. Ma uno spazio dedicato unicamente ai quadrupedi, dove verranno preparate pietanze create appositamente per il benessere degli amici di affezione. Un ristorante incline alla sperimentazione, anche un po’ laboratorio, dove verranno preparate prelibatezze e piatti interessanti e salutari, utilizzando cibi freschi e naturali. Un take away davvero unico con un eventuale servizio di consegna a domicilio, su richiesta.

Ad anticipare la novità è stato Gambero Rosso, mentre il progetto è della Laurenzi Consulting, un società di consulenza piuttosto creativa nel settore Food & Beverage. L’esercizio si chiamerà “Pet” e potrà avvalersi della presenza di un cuoco nutrizionista esperto di alimentazione per animali, una certezza per ricette sane, equilibrate e varie per il benessere di cani e gatti. Lo spazio, oltre a luogo di preparazione e acquisto, potrebbe diventare anche meta d’incontro tra animali di razze e provenienze differenti. Un modo interessante per stimolare la socializzazione tra quadrupedi.

Con questa importante novità Roma si allinea con molte città europee, già attrezzate con attività ed esercizi dedicati ai quadrupedi di casa. A Londra sono presenti diversi ristoranti ad hoc, dove le ricette sono differenti e alla portata di tutti. Anche Berlino ha aperto il Pets Deli, proprio nei pressi dell’area sgambo più grande della città tedesca. In Italia ha preso vita il Neko Cafè, in linea con gli omonimi giapponesi, dove trovano spazio e ospitalità gatti abbandonati curati dallo staff e coccolati dai clienti. A Milano ha aperto da poco il
Crazy Cat Café, un locale dove tra un caffè e una zuppa i clienti possono godere della calmante presenza di un numero contenuto di gatti. Veri proprietari e padroni incontrastati dell’esercizio.

26 aprile 2016
Fonte:
Lascia un commento