Intorno alla Apple Car, la futura auto elettrica a guida autonoma con il marchio della factory di Cupertino, ci sono notevoli discussioni. Negli ultimi mesi, il progetto ha contribuito a rendere più movimentato il settore della mobilità a zero emissioni.

Non c’è mai stato nulla di concreto, tuttavia la registrazione di tre nuovi domini, della quale avevamo dato notizia lo scorso gennaio, seguivano all’anticipazione del “Project Titan”, cioè la valutazione di fattibilità di auto elettrica a guida autonoma “by Apple” che potrebbe essere su strada non prima del 2019 (il 2020 appariva come la data più probabile).

Adesso, stando ad alcune indiscrezioni captate dalla rete, il programma Apple per lo sviluppo dell’auto elettrica a guida autonoma sembrerebbe poter subire un ritardo. Si tratta come detto di un rumor, basato su una serie di informazioni date da una fonte che avrebbe partecipato per breve tempo al “Project Titan”, dal quale sarebbe trapelata la notizia del ritardo nell’esecuzione della Apple Car.

Nulla di straordinario, in ogni caso: un leggero slittamento di programma può essere considerato verosimile, specie se si tiene conto che la realizzazione di un autoveicolo rappresenta per Apple l’esplorazione di un settore tutto nuovo.

Allo stesso modo poco si sa su cosa accadrà nel 2021 per la prima auto elettrica a guida autonoma di Apple: sarà effettivamente sul mercato, oppure si tratterà della realizzazione di un lotto di esemplari pre – serie da impiegare nelle prove su strada?

Una cosa è certa: gli eventuali avversari osservano. Come fanno i vertici di Tesla, che nei giorni scorsi hanno presentato il proprio “Master Plan”: di recente Elon Musk aveva sottolineato come il 2020 (questa la data che il settore automotive dà per buona riguardo all’ingresso di Apple nel comparto automotive) sarebbe un po’ tardi per entrare nel competitivo settore della mobilità a zero emissioni, ora più che mai in fermento.

22 luglio 2016
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento