Interrompere l’uso di pesticidi sintetici per arrestare la moria delle api. Lo chiedono Legambiente e Unaapi, sottolineando che le sostanze di sintesi usate per difendere il mais dai parassiti sono tra i principali imputati del progressivo declino di questi preziosi insetti.

L’appello delle due associazioni è indirizzato al ministero della Salute e agli altri dicasteri competenti, che entro il 30 giugno dovranno esprimere il proprio parere sulla sospensione dell’autorizzazione all’uso di clothianidina, thiamethoxam, imidacloprid e fipronil nei pesticidi di sintesi usati nella coltivazione del mais.

Vittorio Cogliati Dezza, presidente di Legambiente, chiede un divieto definitivo:

Per ben cinque volte i ministeri hanno dato stop temporanei all’uso dei pesticidi in questione, ora serve un divieto definitivo, perché a essere in gioco, oltre alla salute dell’ambiente, è l’intero settore agricolo. I ministeri dispongono di dati che dimostrano come il periodo di sospensione di queste sostanze, abbia avuto risultati positivi con il conseguente ripopolamento degli alveari, l’aumento della produzione di miele unita a una ripresa di salute e di produttività degli allevamenti apistici italiani.

Il rischio, avvertono le associazioni, è che in assenza di uno stop definitivo vengano vanificati i risultati ottenuti grazie alla moratoria dei pesticidi incriminati, che ha permesso alle popolazioni di api di riprendersi temporaneamente dal rischio di estinzione.

A ribadire il concetto di pensa Francesco Panella, presidente di Unaapi:

Il declino delle api, eccezionali sensori ambientali, dimostra come e quanto gli insetticidi sistemici distruggano le forme vitali naturali indispensabili alla fertilità di agricoltura e ambiente. La scienza ha oramai accertato che il pervasivo utilizzo dei micidiali insetticidi è un enorme rischio: è l’ora di vietarli per il mais e di rivalutare gli altri metodi agricoli.

Ad essere in pericolo non è solo la produzione di miele e degli altri prodotti dell’apicoltura, ma gran parte della produzione agricola, che dipende delle api per l’impollinazione. La resa delle colture, in assenza dei preziosi insetti, potrebbe calare addirittura del 90%. Per questo, concludono le associazioni, è vitale impedire per sempre l’uso dei neonicotinoidi e recuperare tecniche agronomiche più sostenibili, a cominciare dalla rotazione colturale.

25 giugno 2012
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Silvio, lunedì 25 giugno 2012 alle22:38 ha scritto: rispondi »

Spero vivamente che l'appello all'abolizione dei pesticidi venga recepito da tutti i responsabili perché le api sono troppo importanti per essere minacciate di distruzione. Si agisca dunque immediatamente prima che sia troppo tardi.

Francesco, lunedì 25 giugno 2012 alle20:50 ha scritto: rispondi »

Non riesco a iscrivermi all'aggiornamento "Api stop ai pesticidi" la risposta del sistema è "che si è verificato un problema [1]". Io ho inserito la mia e-mail francesco@scarinci.it e che consento ai vari trattamenti dei dati. Saluti. @scarinci:disqus Francesco Scarinci

Lascia un commento