Si già parlato di candida e di infezioni vaginali, così come dei rimedi naturali più indicati per favorirne la guarigione. Ma quali sono i preparati erboristici, così come gli alimenti, che presentano uno specifico potere antimicotico naturale, anche in vista di un utilizzo preventivo?

La candida, così come molte delle infezioni all’apparato urinario e riproduttore, è una micosi dovuta all’azione invasiva di un fungo, l’omonimo Candida albicans. Sebbene la sua presenza possa essere rilevata in varie parti del corpo – si pensi all’eventualità della candidosi orale – sono i genitali a esserne maggiormente colpiti. Non ultimo, il disturbo è particolarmente frequente nelle donne, poiché la conformazione femminile può creare un ambiente favorevole alla micosi, dovuta alla naturale presenza di zuccheri dell’area normalmente stimolata dagli estrogeni. Considerato come le conseguenze potrebbero essere decisamente fastidiose e, in alcuni casi, anche gravi, va sempre vagliata l’opinione del proprio ginecologo di fiducia, prediligendo i medicinali prescritti al fai da te. I rimedi naturali, invece, hanno un potere coadiuvante e devono sempre essere discussi con il medico per evitare sovrapposizioni e controindicazioni.

Antimicotici naturali

Aglio

Preserved Garlic with fresh herbs on vintage background via Shutterstock

Sono molti i ritrovati presenti in natura, dai semplici alimenti alle erbe officinali, che esprimono non solo un potere antimicotico adatto a qualsiasi infezione fungina, ma anche un’attenzione particolare ai tipici attacchi dell’area vaginale.

Partendo proprio dall’alimentazione, il primo consiglio è quello di ridurre gli zuccheri nella dieta, poiché la proliferazione di una micosi è proprio stimolata dall’elevata presenza di questi elementi nel sangue e nelle normali secrezioni dell’organismo. Inoltre, potrebbe essere utile introdurre nella propria dieta i seguenti cibi:

  • Aglio: è uno dei rimedi antisettici e antimicotici per antonomasia, utilizzato da sempre per prevenire le infezioni a livello del cavo orale e dell’apparato digerente. Può comunque essere utile anche per il sistema urinario e riproduttivo, poiché alcuni dei suoi principi attivi possono essere efficacemente trattati ed espulsi dai reni. Inoltre, pare che l’aglio stimoli il sistema immunitario, aiutando l’organismo a combattere naturalmente le aggressioni esterne;
  • Pompelmo: l’estratto di semi di questo agrume contengono un vero e proprio antibiotico e antisettico naturale, molto utile per le infezioni protratte nel tempo o in funzione preventiva perché l’efficacia si manifesta nel giro di 8 settimane. Da sempre indicato come rimedio della nonna per la candida, ha effetti anche su cistite, irritazioni del colon e molto altro ancora;
  • Camomilla e malva: tra gli infusi con effetto lenitivo, spiccano sicuramente la camomilla e la malva. Il primo è noto per le sue capacità calmanti per tutto l’apparato digerente, nella riduzione dei fastidi connessi a cistiti e altre infezioni urinarie, nonché come aiuto per il rilassamento psicologico. Il secondo, invece, presenta delle straordinarie mucillagini che creano una barriera tra le mucose interne dell’organismo e gli agenti esterni, limitandone l’infezione. Non bisogna esagerare con la malva, però, perché può avere effetti blandamente lassativi. Inoltre, le due bevande dovranno essere assunte non zuccherate, così come specificato poc’anzi;
  • Chiodi di garofano: solitamente utilizzati per aromatizzare arrosti o altre ricette, i chiodi di garofano esplicano un effetto antisettico nonché blandamente anestetizzante. Aumentarne la presenza nella dieta, magari sempre come condimento, può essere un buon incentivo per l’organismo.

Dopo aver trattato i principali alimenti, i quali non dovrebbero porre particolari rischi fatta eccezione per allergie personali ai singoli ingredienti, si può passare ai ritrovati più specificatamente fitoterapici. Questi possono essere utilizzati sia tramite ingestione che applicazione topica, quindi ci si affidi al proprio erborista per dosi e modalità di somministrazione. Inoltre, alcuni dei cibi elencati poc’anzi possono essere anch’essi sfruttati per lavaggi o tamponi esterni, come ad esempio nel caso della malva o dell’estratto di semi di pompelmo.

  • Tea tree oil: è uno dei rimedi più utilizzati contro le infezioni della cute e delle mucose, poiché ha doti antisettiche, antimicotiche e antiparassitarie. L’applicazione può avvenire tramite tampone e lavaggi, diluendo poche gocce del ritrovato in acqua tiepida;
  • Olio essenziale di geranio: nella tradizione popolare, il geranio è un potente repellente per gli insetti, nonché un valido antisettico e antimicotico. Considerando, però, come i suoi effetti non siano stati ancora sufficientemente vagliati dalla scienza, è sempre meglio chiedere il consiglio di uno specialista prima dell’applicazione esterna. Inoltre, l’estratto non deve essere mai ingerito;
  • Aloe vera: rinfrescante e lievemente antibatterica, l’aloe è un valido aiuto per contenere prurito e fastidio dell’area generale. L’utilizzo più indicato è quello in gel, poiché molto facile da applicare e dall’effetto lenitivo immediato;
  • Pau d’Arco: si tratta di un albero tropicale, nativo della foresta amazzonica, il cui estratto ha dimostrato forti proprietà antimicotiche e antibatteriche. I primi studi sembrerebbero confermare un’azione molto estetica contro la candida, lo stafilococco e l’Helicobacter pilori, ma la sua assunzione non è ancora pienamente standardizzata. Per questo, richiede sempre il parere di uno specialista.

Consigli aggiuntivi

Coppia a letto

Side view of happy woman looking at husband while lying in bed via Shutterstock

Oltre a ricordare come candida e infezioni vaginali non possano essere curate semplicemente con i rimedi naturali e il fai da te – sono altamente recidivanti e debilitanti, il consulto con il medico è imprescindibile – è bene fare attenzione anche ad alcune norme comportamentali. L’igiene intima dovrà essere quotidiana, con saponi neutri o con lavande antimicotiche appositamente pensate per il trattamento dell’infezione. Inoltre, si consiglia della biancheria in cotone traspirante, non eccessivamente aderente, per evitare che la sudorazione generi un microclima più favorevole agli agenti esterni. Non ultimo, in particolare per la candida, queste infezioni persistono perché vi è una continua e ripetuta esposizione durante i rapporti sessuali. Non solo si consiglia l’uso del profilattico anche nelle coppie stabili fino alla completa remissione dei sintomi, ma anche il partner dovrà seguire il trattamento medico: nell’uomo, infatti, può capitare che la candida sia presente senza immediate evidenze esterne.

23 settembre 2014
Lascia un commento