Possedere un proprietario dal portafoglio capiente è una particolarità che garantisce sicurezza economica, in particolare in caso di eredità. Ne sanno qualcosa gli animali di proprietà dell’ereditiera Leslie Ann Mandel, la ricca milionaria degli Hamptons che aveva fornito disposizioni precise per i suoi amati amici di affezione, in particolare uccelli da voliera, ovvero 32 Nymphicus hollandicus. Noti anche come calopsitta o calopsite, oppure molto più familiarmente pappagalli, che hanno ricevuto in eredità ben 90.000 euro da spartire con il gatto e cane di casa.

Tra i più agiati possiamo nominare il cane Patore Tedesco Gunther IV, unico erede della contessa tedesca Karlotta Liebenstein, che nel 1992 lo ha riempito di soldi, con un lascito di 340 milioni di euro. A seguire il famosissimo Grumpy Cat, che si è guadagnato ogni centesimo grazie alla fama di felino burbero e dall’espressione imbronciata. L’ereditiera di New York Ella Wendel ha lasciato un intero patrimonio al suo cane Toby Rimes, sullo stesso percorso è possibile imbattersi in Oprah Winfrey e Paris Hilton propense a rendere ricchi i loro amati e viziati cagnolini.

Il gatto nero Blackie, di solo un anno, può vantare un’eredità statosferica pari a 23 milioni di euro, a seguire il cane ed i due gatti Frankie, Ani e Pepe che possono sfruttare un budget di 13 milioni di euro. Ma anche il pollo Gigoo, di Miles e Briony Blackwell, ora è più ricco di 9 milioni di euro. Che siano proprietari poco noti oppure star del mondo dello spettacolo come Drew Barrymore e Betty White, a beneficiare saranno sempre animali di affezione e di casa. Sicuramente la più anomala di tutti è una tartaruga 50enne scoperta su un prato durante il Gran Premio d’Inghilterra e che può godere della generosità di Christina Foyle. Di certo molti di loro potranno vivere una vita serena, agiata, amministrata da un valido avvocato o tutore che possa fare le veci del proprietario ormai passato oltre. Garantendogli così un’esistenza serena e piena di tranquillità.

10 settembre 2015
Fonte:
Lascia un commento