Passa al vaglio della Camera dei deputati, nell’attesa che diventi presto operativa, la legge sulla gestione e sulle regole condominiali per la custodia di un animale. All’interno sono previsti due punti fondamentali riguardanti la possibilità di tenere un animale in appartamento e la sua relativa gestione. Appena il testo di legge diventerà effettivo, decadranno tutte le abolizioni ed i divieti legati alla possibilità di accudire un animale in casa.

La legge sarà valida sia per quanto riguarda i condomini con appartamenti di proprietà che in affitto. Una grande vittoria per gli amanti degli animali e per i proprietari di cani e gatti. L’abolizione del divieto verrà messa in pratica anche per tutti quei condomini che sono ancora gestiti dal regolamento del costruttore e che molto spesso prevedono il divieto di tenuta degli animali come clausula contrattuale.

Il testo di legge proposto dalla Commissione Giustizia, stabilisce che i singoli regolamenti condominiali non possono in alcun modo precludere né impedire il possesso o la presenza di cani e gatti. Al contempo, vi sarà un inasprimento delle pene per chi non curerà adeguatamente il proprio animale domestico e non rispetterà gli orari di riposo dei condomini. Nel caso l’animale venisse detenuto in condizioni umilianti per la sua salute, e per quella del condominio, si procederà con il sequestro.

L’attesa di queste modifiche è stata lunga, quasi 70 anni, e allarga il raggio anche alle diatribe tra condomini per l’utilizzo degli spazi comuni. Oltre ad una rinnovata snellezza per quanto riguarda le innovazioni condominiali, il distaccamento dal riscaldamento centralizzato ed il ruolo dell’amministrazione.

18 settembre 2012
I vostri commenti
katiuscia, lunedì 20 aprile 2015 alle20:36 ha scritto: rispondi »

Buona sera, io ho un problema con vicina di casa, che istiga la mia cucciola di 3 anni, ad abbaiare quando io esco ho per lavoro o per commissioni, e dispetti di ogni genere, mi ha chiamato persino i carabinieri con il medico del ASL, la cucciola è razza amstaff pitbull, che da cucciola ha subito vari traumi, e io gli ho salvato la vita che non finise in mani sbagliate, tornando al medico ASL la visitata e controllata, esito positivo, .Ma questa vicina insiste a tormentare il mio cane e m'è personalmente, ho parlato con avvocato ma non ho ottenuto nessun risultato, vogliono testimoni del condominio, ma nessuno si è messo a disposizione. Io non so più che soluzioni trovare. Ma è impossibile che io e la mia cucciola dobbiamo subire tutto questo? ??,.Grazie. Saluti

ercole, giovedì 24 ottobre 2013 alle10:01 ha scritto: rispondi »

Secondo me si dovrebbe limitare il numero dei gatti o dei cani in un appartamento, prendendo in considerazione la superficie dell'abitazione e dei suoi usufruttuari . Non è giusto costringere un animale di grossa taglia coabitare in un appartamento di 50 / 60 mq, con due o tre persone. Adeguare l'appartamento al numero di usufruttuari .

Lascia un commento