Almeno nell’immaginario comune, il cane e il gatto sono gli animali domestici per antonomasia. Eppure le due specie, sebbene siano le preferite da miliardi di persone in tutto il mondo, potrebbero non essere fra le più addomesticabili. È quanto svela una ricerca condotta dalla Wageningen University, nei Paesi Bassi, con la definizione di una lista dei 25 animali che potrebbero rappresentare l’accoppiata perfetta con l’uomo. E, incredibilmente, Fido e Fufi non sono compresi in questa lista.

Il gruppo di ricerca ha voluto valutare numerose specie di animali, definendone il livello di addomesticamento, fra gli estremi della vita completamente selvatica e quella esclusivamente domestica. È stato quindi costruito un framework di 90 differenti specie, suddivise per biologia, bisogni, pericolosità per l’uomo e tasso di benessere in cattività. Sebbene sia lecito aspettarsi il gatto e il cane, gli animali domestici a oggi più diffusi, nelle prime posizioni della lista, i due esemplari non entrano nemmeno nelle prime 25.

Secondo l’analisi dei dati rilevati dall’ateneo europeo, il migliore amico dell’uomo potrebbe essere il sika, conosciuto anche con il nome di cervo giapponese, una specie nativa del sud-est dell’Asia. A seguire il wallaby agile, noto anche come wallaby color sabbia, un marsupiale diffuso in Australia e in Nuova Guinea. Alla terza posizione, invece, il wallaby darma, rincorso dai lama e dalla civetta della palma comune.

Vi è comunque da sottolineare come queste specie, tutt’altro che diffuse nei salotti di tutto il mondo, abbiano raggiunto le prime posizioni della classifica per via delle loro capacità di adattamento, apprendimento e per la scarsa sofferenza in cattività. In realtà, tuttavia, è praticamente remota la possibilità di poterli accudire come animali domestici, anche perché si tratta di specie autoctone, geograficamente limitate e spesso anche protette. Per questo motivo, statistiche a parte, cani e gatti continueranno a lungo a contendersi il primato della cuccia o di una morbida posizione in poltrona.

19 luglio 2016
Fonte:
Lascia un commento