Anche i Labrador, una delle razze di cane più popolare, possono soffrire una sorta di crisi di mezza età. E come i compagni umani, pronti ad accumulare la tipica pancetta attorno ai 40 anni, anche per i quadrupedi sono i problemi di peso a farla da padrone. È quanto dimostra uno studio condotto dall’Università di Edimburgo, che dimostra come le libertà alimentari nei primi anni di vita e la mancanza di adeguato esercizio fisico possano portare a un indesiderato sovrappeso durante la mezza età.

La scoperta è parte del Dogslife Project, uno progetto nato per acquisire maggiore conoscenza sui collegamenti fra gli stili di vita dei Labrador e la loro salute. Lo studio, pubblicato sulla rivista Preventive Veterinary Medicine, è stato finanziato dalla Kennel Club Charitable Trust, dalla The Roslin Foundation e dal Biotechnology and Biological Sciences Research Council. I risultati sono molto interessanti: è infatti emerso come questi cani possano acquisire 0.9 chilogrammi in eccesso ogni anno, dal primo al quarto anno di vita. Questa condizione aumenta il rischio di un sovrappeso giunti alla mezza età, con conseguenze fastidiose sulla qualità della loro salute.

Il gruppo di ricercatori ha misurato il livello di attività e le dimensioni di più di 4.000 Labrador registrati al Kennel Club. In media, questi esemplari occupano circa due ore della loro giornata nell’attività fisica e, naturalmente, più i cani si esercitano, minori sono le chances siano in sovrappeso. Inoltre, è emerso forse anche un ruolo genetico all’accumulo di adipe: gli esemplari cioccolato, infatti, tendono tutti a pesare 1.4 chilogrammi in più rispetto ai Labrador biondi e a quelli neri. Inoltre, è emerso come questa razza di cani sia quella più incline all’obesità rispetto alle altre, confermando di nuovo una possibile origine genetica alla tendenza all’ingrassamento durante la mezza età.

Come già accennato, le avvisaglie di quello che potrebbe accadere a metà esistenza del Labrador sono evidenti sin dalla prima età: la ricerca svela come l’accumulo di un chilo di peso ogni anno, dalla maturità ai quattro anni, sia il maggior elemento di rischio non solo di sovrappeso, ma anche di obesità vera e propria. Per questo, così come spiega il dottor Dylan Clements, la ricerca sarà fondamentale per tratteggiare nuove linee guida per la salute dell’amico a quattro zampe:

Il Dogslife è uno studio innovativo sulla salute canina, che è stato reso possibile grazie all’incredibile dedizione dei proprietari di cani.

28 ottobre 2015
Fonte:
BBC
Via:
Lascia un commento