La Ferrari cambia colore e diventa “verde”. Sì, è proprio così: anche la Rossa di Maranello, da sempre sinonimo di prestazioni a scapito dei consumi, ora diventa attenta all’ambiente. Al Salone Internazionale di Ginevra, che ha aperto i battenti oggi, sono ben due le novità green allo stand Ferrari: il sistema Stop&Start sulla California e la 599 ibrida.

Il sistema Stop&Start permette di abbattere i consumi del 6% e di raggiungere il valore di 280 g/km, vero record per la categoria. La fase di riaccensione, potenzialmente un problema su una sportiva, avviene in soli 230 millisecondi, risultando di fatto impercettibile. Sulla Ferrari California sono presenti anche altri accorgimenti progettuali che puntano a migliorare l’efficienza del veicolo nel suo complesso. Tra questi un sistema di lamelle elastiche annulla l’effetto della variazione di pressione sotto i pistoni che normalmente genera una coppia resistente al motore ma anche il trattamento DLC (Diamond Like Carbon) di alcune superfici, al fine di ridurre gli attriti interni al motore.

L’altra novità dello stand Ferrari è un prototipo, assolutamente inconcepibile solo fino a pochi anni fa: si tratta di una 599 GTB Fiorano ibrida con il sistema chiamato HY-KERS che consente di abbassare del 35% le emissioni nel ciclo combinato. La tecnologia, che in futuro potrà essere estesa a tutti i modelli della gamma, è basata sull’esperienza che la casa del Cavallino ha accumulato in Formula 1 con il sistema di recupero di energia KERS.

Molti sono gli aspetti innovativi della 599 ibrida: il posizionamento delle batterie sotto al pianale, consente di abbassare il baricentro accentuando la sportività e compensando, almeno parzialmente, il maggior peso. Il motore elettrico, particolarmente compatto, accoppiato alla parte posteriore del cambio F1 a doppia frizione, permette di non rubare spazio né all’abitacolo né al bagagliaio.

2 marzo 2010
Lascia un commento