Le trasfusioni di sangue, così come lo sono per il genere umano, sono estremamente importanti nel regno animale. Arriva da Chicago la storia di alcuni Levrieri scelti come donatori universali per salvare la vita di tanti animali in difficoltà.

Fanno parte del progetto Pets Saving Pets del College of Veterinary Medicine dell’Università del Missouri e, giunti ormai in veneranda età, da abili corridori e cacciatori si sono trasformati in generosi aiutanti di medici e paramedici. Ogni tre settimane donano parte del loro sangue, riutilizzato poi per salvare altri cani.

La scelta del Levriero è tutto fuorché casuale: pare si tratti di una razza che funga da “donatore universale”, ovvero compatibile alle trasfusioni con tutti gli altri cani esistenti. Esattamente come succede per i donatori di tipo 0 fra gli umani. Il loro contributo è poi fondamentale: così come fra la società dei loro padroni, anche il mondo canino ha spesso carenza di sangue.

E hanno già salvato moltissime vite: Margaret, ad esempio, è una cucciola affetta da una patologia ai globuli rossi. Nonostante sia ricca di voglia di vivere, questa malattia è stata per lei una vera e propria condanna a morte. Ma grazie alla terapia della trasfusione, a cui si sottopone regolarmente alla Missouri University, è tornata rapidamente in salute.

Oltre a essere dei donatori universali, questi cani si dimostrano anche particolarmente docili. Non temono gli aghi, non sono spaventati dalla trasfusione e non si lamentano per nemmeno un istante del trattamento. Per loro è sufficiente qualche coccola, qualche biscotto e un po’ di gioco al termine dell’operazione.

12 luglio 2012
Lascia un commento