Anche i cani possono soffrire di depressione stagionale

L’inverno non è di certo una delle stagioni più semplici, almeno sul fronte del benessere psicologico. Temperature gelide, giornate brevi, scarsa esposizione alla luce solare e vita trascorsa soprattutto fra le quattro mura domestiche possono infatti incentivare stanchezza e insoddisfazione, fino a sfociare nella cosiddetta depressione stagionale. Una questione che non colpisce unicamente gli umani, ma anche gli amici a quattro zampe, in particolare i cani.

Lo confermano numerosi veterinari del Regno Unito, sebbene al momento non esistano ancora studi conclusivi sull’alterazione del comportamento e dell’umore canino durante il periodo invernale. Nella stagione più fredda dell’anno, i medici specializzati in animali domestici vedono notevolmente aumentare le segnalazioni da parte di proprietari preoccupati, per malesseri vari che colpiscono i loro cani. Fra i sintomi più comuni vi sono letargia, inappetenza, poco entusiasmo durante la passeggiata quotidiana, ma anche difficoltà nel seguire gli ordini o nel rispetto delle regole.

=> Scopri se il cane ha la febbre


Secondo gli esperti, di conseguenza, anche gli amici a quattro zampe potrebbero soffrire di SADSeasonal Affective Disorder – sebbene siano necessarie ulteriori conferme a livello scientifico. Ma che fare per rendere questo periodo dell’anno meno gravoso per l’amico di casa? Sono molti i consigli che i proprietari possono mettere in atto per stimolare la serenità del cane, anche quando le giornate appaiono uggiose ed estremamente fredde. Innanzitutto, è sempre importante non saltare mai le passeggiate quotidiane, anche quando le condizioni atmosferiche non sono delle più favorevoli: per il quadrupede esplorare il mondo esterno, nonché ammirare anche un blando raggio di sole, è fondamentale per la salute.

=> Scopri come proteggere gli animali dal freddo


Dopodiché, è indspensabile predisporre un ambiente stimolante in casa, considerato come l’animale vi trascorrerà gran parte della giornata. Utile sarà fornire giochi o qualche premio in cibo, nonché incentivare la curiosità nascondendo qualche premio negli angoli più nascosti dell’abitazione. Si prediligano quindi stanze luminose, affinché vi sia una sufficiente esposizione solare, nonché non si trascuri l’animale facendo mancare coccole e attenzione. Infine, con l’aiuto del veterinario, si valuti la possibilità di integrare vitamine, sali minerali o altri nutrienti utili per rinforzare fisico e mente.

30 gennaio 2018
Fonte:
Lascia un commento