I social network sono stati invasi dall’ennesima, e divertente, illusione ottica. E, come già successo nelle scorse settimane tra simpatici panda e irresistibili cagnolini, i protagonisti sono sempre due esemplari animali. Un’illusione che non è del tutto una novità, poiché risale addirittura al 1892, ma che potrebbe dir molto sulla personalità di chi la osserva. Si percepisce un’anatra dal becco lungo o, in alternativa, un soffice coniglio?

Come già anticipato, questa illusione ottica non è nuova, soprattutto nell’universo della psicologia. Intitolata “Kanichen und Ente”, è apparsa su una rivista tedesca nel 1982, dopodiché è stata scelta dallo psicologo Joseph Jastrow verso la fine dello stesso secolo, per illustrare la percezione, la creatività e la personalità dell’uomo.

L’immagine è composta da due figure praticamente sovrapposte, due animali resi in un unico disegno: un’anatra e un coniglio. A seconda dell’osservatore, alcuni riconoscono il pennuto, altri il tenero quadrupede. Con un po’ di allenamento, tuttavia, è possibile distinguere indifferentemente l’una o l’altra figura.

La questione, però, non risiede tanto nel riconoscere uno dei due animali ritratti, bensì nel passare velocemente dal primo al secondo: le persone dotate di una mente creativa effettuano questo salto senza intoppo alcuno, mentre le più razionali tendono a concentrarsi solo su uno dei due animali illustrati. Queste considerazioni, va ricordato, non sembrano però aver trovato sufficiente controprova nell’analisi scientifica e risultano, più che altro, connesse allo spirito di osservazione e all’attenzione di chi ammira il ritratto.

Pare che il 70% delle persone sia in grado di riconoscere il coniglio al primo colpo, mentre per l’anatra serve qualche sforzo in più. Nel frattempo, sebbene non si tratti di una novità, lo scatto ha cominciato a circolare velocemente sui social network, dove è divenuto immediatamente virale.

16 febbraio 2016
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento