Dal 12 aprile è operativa la campagna Anagrafe Attiva, che vede coinvolta in prima persona l’Asl Veterinaria Napoli 1, pronta a microchippare e registrare i cani lungo il territorio. Tre giorni consecutivi per aggiornare e ampliare l’iscrizione all’anagrafe canina regionale da parte degli esemplari padronali. Per rendere l’operazione più veloce e immediata, la Asl sarà dotata di un camper itinerante che permetterà le cure e le visite direttamente sul campo, favorendo così la popolazione del posto attraverso alcuni appuntamenti imperdibili. Un’offerta utile e irrinunciabile, per diminuire il numero degli esemplari a piede libero oppure impossibili da recuperare dopo uno smarrimento.

La presenza del chip è obbligatorio dal punto di vista legislativo, una forma di tutela importante in caso di smarrimento o furto. Ma anche una pratica corretta che regolarizza la presenza di un animale come parte integrante di un nucleo familiare. Si applica quando il cane è ancora piccolo, intorno ai due mesi di età, regola non applicabile ai quadrupedi trovati per strada o randagi. Il microchip viene inserito sottopelle dal veterinario attraverso una semplice iniezione. Infatti il formato dello stesso è piuttosto ridotto, quasi come un chicco di riso, e non crea nessuna problematica all’animale a cui verrà collocato. Non produce vibrazioni o sensazioni particolari, ma è del tutto inerte e si attiva solo se sollecitato dall’apposito lettore per la sua identificazione.

In questo caso avverrà la lettura del chip e quindi del numero presente, corrispondete alla registrazione anagrafica dell’animale. Grazie a questa operazione attivata dall’Asl di Napoli 1, l’iscrizione anagrafica avverrà gratuitamente, favorendo così la scelta di certificare la presenza domestica di un cane di affezione. Un’opzione davvero importante e utile. La procedura presso gli uffici Asl può essere sia gratuita che a pagamento, solitamente cifre molto contenute inerenti il costo del dispositivo. Risulta quindi a pagamento anche l’operazione effettuata dal veterinario privato.

13 aprile 2016
Fonte:
Lascia un commento