La vita può percorrere strade anomale e misteriose, portando in contatto animali di specie differenti. Non solo, magari anche di formati e altezze diverse. È ciò che è accaduto a un cucciolo di elefante e una baby giraffa, due animali piccoli di età diventati amici inseparabili. Una famiglia anomala, allargata e atipica, dove le differenze si annullano e si compensano grazie alla voglia di vivere e di scoprire insieme il mondo. Il cucciolo di elefante era stato recuperato mentre vagava da solo, in condizoni pessime e di sofferenza. Forse perso o abbandonato dal gruppo non avrebbe potuto cavarsela senza il supporto di un membro adulto, ma principalmente del latte materno.

Per questo l’associazione Save the Elephants, in team con la David Sheldrick Wildlife Trust (DSWT), ha deciso di recuperarlo e condurlo verso il centro di Nairobi per le prime visite. L’elefante, ribattezzato Loboito, che significa l’unico, ha potuto incontrare l’aiuto e il supporto dello staff. Il personale si occupa del baby elefante con passione e costanza, e con il tempo il gruppo ha assunto i contorni di famiglia. Ma il piccolo non è solo all’interno della struttura, perché molti altri pachidermi orfani hanno trovato nel centro un luogo di salvezza. E da qualche tempo anche una baby giraffa può contare sul supporto dell’orfanotrofio.

Ribattezzata Kiko, la piccola non avrebbe avuto possibilità di sopravvivenza, perché troppo giovane e incapace di badare a se stessa. Dal suo ingresso al centro l’esemplare è diventata un punto di riferimento per Loboito, che ha trovato in lei un valido sostegno e aiuto. Ma principalmente un’amica importante, indispensabile per sopravvivere alla solitudine e all’abbandono. Gli orfani di elefante ospiti della struttura risultano fragili e confusi sin dal loro arrivo, emotivamente devastati dalla perdita del branco. Per questo la presenza di Kiko e dello staff è di grande importanza, non solo per proteggerlo dalla fame e dal freddo della notte ma per calmare il pianto e il suo animo dalla depressione data dalla solitudine patita.

7 ottobre 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento