Oltre 41 milioni di euro per rimuovere l’amianto dagli istituti scolastici pubblici di Milano. È quanto stanzierà il Comune per il piano di bonifica delle scuole elementari e medie, elaborato dopo le rilevazioni effettuate da una società specializzata in oltre 350 istituti mai controllati prima.

Il piano è stato strutturato in base all’indice di pericolosità: sono 16 gli istituti che richiedono interventi urgenti, in cui le attività di bonifica sono già state avviate. Qui il termine dei lavori è fissato per dicembre 2013: gli interventi riguardano la rimozione dell’amianto nelle canne fumarie, nella coibentazione e la pavimentazione vinilica in 3 scuole.

In altri 18 istituti sono state rilevate situazioni di minore pericolosità. Per questi il Comune ha presentato i progetti esecutivi: servono 7 milioni di euro che dovrebbero arrivare, tramite la Regione, dal Decreto del Fare. Qui gli sono necessari interventi sugli impianti di scarico, sul pluviale e su alcune porzioni di pavimenti.

Infine, in altri 70 istituti sono state rilevate situazioni meno pericolose dei casi precedenti: questi saranno presi in esame nel 2014. L’assessore ai Lavori pubblici Carmela Rozza, ha spiegato:

Con questo piano, e grazie alla collaborazione con la Regione, contiamo di affrontare in modo definivo la presenza dell’amianto nelle scuole della città. È però evidente che servono ingenti risorse per realizzare una bonifica organica o l’abbattimento e la ricostruzione delle scuole chiuse della città: un obiettivo che ci poniamo avvalendoci delle politiche promosse dal Governo in favore dell’edilizia scolastica.

L’obiettivo finale, spiegano dal Comune di Milano, è attuare un piano generale di ristrutturazione e manutenzione delle scuole pubbliche: i fondi dovranno arrivare, attraverso il Decreto per il Diritto all’Istruzione emanato dal governo, da un prestito trentennale a tasso agevolato finanziato dalla Cassa Depositi e Prestiti, dalla Banca Europea per gli Investimenti e dalla Banca di Sviluppo del Consiglio d’Europa.

17 settembre 2013
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento