Si ricorderà di certo la storia di Caitlyn, il docile cane rinvenuto negli Stati Uniti con le fauci bloccate da nastro isolante, soccorso immediatamente dall’Animal Society di Charleston e oggi finalmente sulla via della guarigione. Purtroppo la triste vicenda sembra essersi ripetuta: i media statunitensi stanno infatti ribattendo la notizia di un esemplare di razza Pastore Tedesco, rinvenuto a sua volta con la mascella bloccata da del nastro adesivo. Il tutto sarebbe accaduto in quel di Denver.

Il cane, una femmina di circa 8 mesi, è stato rivenuto da una passante nei pressi di South Platte River Drive e Huron Street. Le condizioni del ritrovamento sono sembrate sin da subito drammatiche: non solo le fauci chiuse da diversi strati di nastro isolante bianco, ma anche le zampe legate fra loro, affinché l’animale non potesse alimentarsi, scappare o trovare un riparo.

Stando quanto riportato dalle fonti statunitensi, il quadrupede si trovava lo scorso sabato in uno stato di sofferenza, nonché completamente bagnato. Trasportato immediatamente al Denver Animal Shelter, dove sono state somministrate tutte le cure del caso, il Pastore Tedesco dopo cinque giorni sarà inserito nella lista degli animali adottabili. L’esemplare non dispone di un microchip, quindi non è possibile identificare il proprietario originale, mentre a livello locale è stata organizzata una raccolta di informazioni nella speranza che qualcuno possa fornire delle indicazioni utili al tragico gesto. Qualora il colpevole venisse identificato, rischia fino a un anno di carcere e una multa di circa 1.000 dollari per maltrattamento di animali.

Sembra abbastanza evidente come, così nel precedente caso della piccola Caitlyn, l’atto deliberato sia stato perpetrato da qualcuno desideroso di sbarazzarsi del cane, abbandonandolo al suo destino e condannandolo alla morte. Se non fosse stato identificato dai passanti, infatti, l’animale sarebbe incorso nel decesso per l’impossibilità sia di nutrirsi che di sfuggire dal caldo diretto del sole.

13 luglio 2015
Fonte:
Via:
I vostri commenti
marco, mercoledì 15 luglio 2015 alle17:27 ha scritto: rispondi »

una persona con tanta cattiveria dentro (ne serve tanta per fare una cosa del genere) dovrebbe essere sottoposta allo stesso trattamento .... una volta acchiappata!!!

Lascia un commento