Allerta istamina per il tonno pinne gialle: i lotti ritirati in Italia

Livelli elevati di istamina e potenzialmente pericolosi per la salute umana sono stati riscontrati in un lotto di tonno pinne gialle surgelato venduto in fette sottovuoto, che è appena stato richiamato dai supermercati italiani. Il Ministero della Salute avverte chi lo ha comprato: “non deve essere consumato e deve essere distrutto o reso”.

Come si apprende sul sito ufficiale del Ministero della Salute, le fette sottovuoto di tonno hanno il marchio Nordic Seafood A/S – Melega & Prini srl di Bolzano e sono prodotte dalla Central Western Pacific nello stabilimento in Indonesia.

=> Leggi di più sui rischi per chi mangia tonno avariato

La data di scadenza è il 10 novembre 2019. Chi lo avesse comprato è invitato a verificare il lotto nell’apposita etichetta sulla confezione: quello ritirato è BMI 18/02 – Item No 2451410, ogni confezione è di 175-225 grammi.

Il tonno Pinne Gialle è solitamente la qualità considerata più pregiata di questo pesce, ma il livello di contaminazione dei mari – arrivato a numeri che non è possibile trascurare – può portare al contatto con la sostanza chimica in questione, l’istamina, una molecola organica che viene prodotta dal nostro corpo, ma che se assunta ad alti livelli può portare a dei problemi di salute. Proprio per questo la decisione di ritirare il lotto contaminato dal mercato.

13 luglio 2018
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento