Disposto dal Ministero della Salute il ritiro di alcuni lotti di filetti di acciughe commercializzati da Eurospin. All’interno dei prodotti ittici sarebbe risultato un livello di istamina superiore a quanto previsto dalla legge, con potenziali pericoli per la salute dei consumatori in quanto alla base della cosiddetta sindrome sgombroide.

Interessati dall’allerta istamina sono i Filetti di Acciughe in Olio di Oliva, barattoli da 80 grammi (peso sgocciolato 42 g) – lotto SK343A, riportante la dicitura “Importato da Sea Fish Spa – via Trento, 53 20021 Ospiate di Bollate (MI)”. La sede dello stabilimento risulta invece essere Quartier Industriel Anza cote mer B.P. 6294 Anza-Agadir, in Marocco. Sulle confezioni è inoltre riportata la data di scadenza 08-06-2018.

=> Leggi di più sul caso di tonno con istamina individuato a Vicenza

La raccomandazione del Ministero della Salute è quella di non consumare il prodotto contaminato da istamina, ma di riportarlo presso il punto vendita. Nausea, vomito, cefalee, bruciore, prurito e, nei casi più gravi, anche ipotensione, ipertensione e tachicardia sono i sintomi più comuni della sindrome sgombroide.

Il consiglio è quello di non sottovalutare eventuali malesseri comparsi dopo aver inconsapevolmente ingerito i filetti di acciughe interessati dall’allerta, ma di contattare il proprio medico curante per un consulto. I primi fastidi possono comparire trascorse circa 4 ore dal consumo e perdurare fino a due giorni.

=> Leggi l’allerta ISPRA sui rischi legati al pesce palla maculato

Dei giorni scorsi è invece un’allerta diffusa dall’ISPRA in relazione ai rischi da consumo di pesce palla maculato, avvistato a fine ottobre vicino alle coste baresi. La tossicità dell’animale permane anche dopo la cottura; inoltre è sconsigliata anche la pesca a causa dei pericoli legati al potente morso del pesce.

9 novembre 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento