Allerta glutine per le patatine in busta Cipster: i lotti ritirati

È stato ritirato dal mercato un lotto di Cipster, in seguito ad un avviso di richiamo emesso dall’azienda produttrice Mondelez Italia. Nel famoso snack salato è stata riscontrata la presenza di allergeni non dichiarati. Si tratterebbe in particolare di glutine, che potrebbe mettere a rischio coloro che soffrono di celiachia.

L’avviso di ritiro è stato pubblicato anche sui siti delle grandi catene di supermercati. Implicate alcune confezioni di cartone di Cipster da 85 grammi. Le confezioni di Cipster sono state prodotte nello stabilimento di Capriata D’Orba, in Provincia di Alessandria, nello specifico in località Pedaggera numero 22.

=> Leggi di più sull’allerta contaminazione per l’acqua minerale San Benedetto

Le confezioni ritirate sono quelle che hanno una data di conservazione al 31/10/2018, al 30/11/2018, al 31/12/2018 e al 31/01/2019. L’etichetta sulle confezioni riportava la scritta “senza glutine“, quindi un’informazione sbagliata perché in questo lotto ci sarebbe stata la presenza di glutine di frumento.

=> Scopri di più sull’allerta microplastiche per cozze, gamberi e sale

Chi non è intollerante al glutine e coloro che non soffrono di celiachia possono mangiare con tranquillità il prodotto acquistato. Invece, se si soffre di problemi di salute derivanti dall’assunzione di glutine non bisogna consumare lo snack e occorre rivolgersi al servizio consumatori, che si può contattare al numero verde 800.055.200.

La ditta produttrice, attraverso un comunicato stampa, dà queste indicazioni, facendo sapere che i consumatori potranno ricevere delle informazioni aggiuntive telefonando al numero specificato. Le patatine con il glutine consumate da persone intolleranti potrebbero causare irritazione e infiammazione della mucosa intestinale e scatenare reazioni allergiche.

21 giugno 2018
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento